Sciopero dei tifosi Citarella e Nocerina vicini agli ultras

In campo, accanto ai tifosi, che ovviamente restano sugli spalti. E’ la scelta del patron Giovanni Citarella, in merito allo sciopero del tifo che tutte le curve han deciso per il primo tempo degli incontri del week end contro gli eccessi delle norme Maroni. Ecco il patron: «Piena solidarietá agli ultras della Nocerina – dice Citarella – che stanno sperimentando la difficoltá di seguire la squadra. Condividiamo i provvedimenti anti-violenzi ma gli eccessi stanno portando a rendere sempre più complicato non solo l’operato delle societá ma anche la partecipazione sugli spalti all’evento calcistico. Ci auguriamo nella possibilitá che le norme prevedano degli aggiustamenti e nel frattempo condifidiamo comunque nell’apporto caloroso del nostro pubblico, al di lá di queste problematiche». Fin qui la tifoseria della Nocerina ha visto all’opera Cavallaro e compagni solo in casa: disco rosso finora in trasferta, sia con la Colligiana che con la Lucchese, per divieti prefettizi per stadi altrui non ancora adeguati. Aspettando Nocerina-Bellaria Igea, oggi c’è attesa nell’universo rossonero giovanile per il debutto in campionato dei Giovanissimi Nazionali di De Bonis, che giocheranno alle 16 contro la Juve Stabia al “Menti”. Con la Berretti di Emilio De Leo, che invece debutterá in campionato tra sette giorni, continua ad allenarsi con discrete sensazioni il trequartista nigeriano Sadare Rotimi Oladimeji, però non tesserabile nel breve a causa dello status di extra-comunitario.


Marco Mattiello, LA CITTA’ (foto: Carmine Apicella)