Caso Errico, udienza fissata per il 22

Come nelle sfere più alte del paese: Nocerina difronte alla Corte Costituzionale. Quella calcistica, che si traduce in Corte di Giustizia Federale in sede consultiva. Fissata finalmente una data: giovedì 22 ottobre, ore 11 a Roma. La Corte si riunirá in sede consultiva (normalmente la riunione avviene in sede giudicante) solo per l’interpretazione esatta della norma, tirata in ballo dal reclamo della Nocerina per il caso Errico, relativo all’utilizzo ritenuto irregolare da parte della Giacomense del calciatore Errico, ritenuto irregolare dalla Nocerina per la partita di campionato finita 1-1 (il calciatore doveva scontare una squalifica Berretti della passata stagione presa da fuoriquota). Il giudice sportivo, in primo grado, ha dato torto alla Nocerina con una sentenza che ha aumentato perplessitá e interrogativi. Eduardo Chiacchio ha prodotto accurato reclamo, accompagnato da una memoria di 49 pagine e la Giacomense ha risposto con 38 pagine di contro-deduzioni. Toccherá alla Corte di Giustizia Federale non giudicare ma scrivere la parola fine con l’interpretazione della norma relativa alle sanzioni e quindi con l’effetto per il caso specifico (Errico doveva scontarla dove e quando la squalifica?). La Nocerina spera di ottenere 2 punti in più a tavolino, merce utilissima in questa fase. La partita si giocherá tra sette giorni, confidando ancora una volta nelle qualitá dell’ex calciatore Chiacchio, che in 49 pagine ha scritto di tutto e di più: precedenti e anomalie, provvedendo ad innalzare la soglia del ragionevole dubbio legato alla vicenda.

Marco Mattiello, LA CITTA’