Emergenza senza fine: si ferma anche Roberto Palumbo

E’ una Nocerina degna del miglior reparto di pronto soccorso quella che si appresta ad affrontare domani il Celano al San Francesco.

La rifinitura di questa mattina getta ulteriormente benzina sul fuoco “maligno” che si può anche leggere come “difficoltà” (per usare un eufemismo) ad assemblare una formazione presentabile per il match di domani pomeriggio con mister Pastore chiamato ad autentici salti mortali per le soluzioni da approntare. Oltre ai soliti noti Sannibale e Orolunleke, che stamane era presente e si è allenato seppur a parte e con un vistoso tutore al ginocchio di recente operato, non saranno del match Mario Terracciano, tormentato ancora dallo stiramento al flessore, Masciarelli, anche lui alle prese con guai muscolari e notizia dell’ultima ora, si è fermato di nuovo anche Roberto Palumbo per il riacutizzarsi della pubalgia che lo sta “flagellando” dalle ultime fasi della scorsa stagione.

Notizie positive per Pastore arrivano da Babatunde che si è allenato regolarmente questa settimana. Per lui impiego dal primo minuto in attacco in condominio con Cristian Iannelli, chiamato ad una prova maiuscola per confermare le aspettative derivate dal suo ingaggio. A centrocampo dovrebbero prendere posto Polichetti (o in alternativa De Rosa) a destra, Giraldi e Iannini al centro con capitan Cavallaro a sinistra. Le maggiori novità arrivano dal reparto arretrato, tutto da inventare. Out di destra basso affidato a Gaeta, al centro dovrebbe esserci l’esordio dal primo minuto di Antonello Giordano e suo compagno di reparto dovrebbe essere Giovanni Serrapica con il neoacquisto Musacco a sinistra con Tomacelli e Guarro che scalpitano sempre per prendere posto sulla mancina. Sarà invece al solito Franzese il guardiano dei pali. Pastore al centro della difesa vorrebbe più esperienza, ecco spiegata questa coppia inedita sia per abbinamento che per ruoli. Serrapica, che centrale difensivo non è, verrebbe preferito al centrale di ruolo Riccio proprio per la sicurezza che darebbe in termini di “anzianità”. Staremo a vedere, consapevoli del momento no che sta attanagliando i “molossi” dal punto di vista dell’infermeria, sempre piena e sempre per elementi “campali”. Sta di fatto che con o senza questi problemi la Nocerina ha bisogno di un risultato positivo per mettersi alle spalle positivamente questo brutto momento, per il morale e anche per risollevare una classifica che al momento si sta facendo davvero preoccupante.

 

Carmine Apicella, ForzaNocerina.it (Foto: Ciro Pisani)