La Nocerina cerca riscatto

Voglia di riscatto. Si vede giá in allenamento con la speranza di rivederla subito in partita, cominciando da Gubbio, nel primo dei due appuntamenti in trasferta (poi il Bassano). Matteo Pastore, nei momenti più difficili, sia l’anno scorso sia quest’anno, è riuscito sempre a trarre il meglio dal materiale calcistico a disposizione, per prestazioni tecniche e caratteriali. Un’altra Lucca? Quella resta un’impresa unica, col 5-0 sul campo della squadra che continua a comandare il girone. Ma di sicuro a Gubbio c’è voglia, in Pastore come nella societá e nella tifoseria, di guardare ad una Nocerina diversa dalle ultime due prestazioni, con sconfitta a Prato e pari casalingo contro l’Itala San Marco. Analizzare, valutare e scegliere. Ieri il test per i tre verbi. Non completo a causa del lavoro differenziato per Babatunde e Giraldi, entrambi sulla via del recupero. Stesso discorso per Iannelli e Gaeta (parzialmente bloccati a scopo precauzionale) oltre che per Palumbo (rimasto fermo). A Salerno, presso il Centro Mary Rosy diventato quartier generale molosso per questa settimana e la prossima, col Montercorvino Rovella, affidatosi all’ex di Salernitana e Matera Aldo Raimondi al posto di Giggetto Serrapede nel tentativo di dare un senso ad investimenti di lusso per una matricola di Promozione. Primo tempo con questo 4-4-2: Franzese; Tomacelli, Olorunleke, Riccio, Terracciano; Polichetti, Iannini, Iovine, Cavallaro; Aquino, De Rosa. Tenendo per buone gran parte delle scelte del primo tempo, pole position per Stefano Riccio, 20enne difensore centrale ex Savoia e Neapolis, alla voce cambiamento forzato per la zona centrale difensiva. Fuori Sannibale (oggi ecografia per valutare meglio la lesione parziale del crociato), c’era attesa per decodificare le intenzioni di formazione arretrata di Pastore (a parte i rientri previsti degli altri infortunati di centrocampo e attacco) in vista di Gubbio. Emerge con chiarezza la scelta di tenere Terracciano a sinistra, posizione ormai occupata da diverse settimane dall’ex Scafatese. La novitá allora ci sará al centro, accanto ad Olorunleke, ed al momento privilegia proprio Riccio, ragazzo interessante che fin qui ha avuto chance solo in coppa. Ma c’è anche la candidatura alternativa rappresentata da Giordano, niente affatto male, anzi da tenere nella considerazione classica da ballottaggio prima di passare alle scelte vere e proprie. Proprio Giordano ha fatto compagnia a Riccio nel cast dei centrali della ripresa con Terracciano portiere e Sodano e Masciarelli piazzati sulle corsie laterali. In mediana De Rosa (dopo il gol del primo tempo da attaccante), Carullo, lo squalificato Serrapica e Guarro. Attacco numero 2 di giornata composto da Borrelli (a segno) e da Aquino. Oggi si prosegue con gli auspicati progressi dei reduci da infortunio in odore di rientro.


Lorenzo Orefice; ForzaNocerina.it