GELA-NOCERINA 2-1: Russo non basta, Bonanno stende i rossoneri

GELA-NOCERINA 2-1: Russo non basta, Bonanno stende i rossoneri

GELA 2

NOCERINA 1

GELA (4-3-3): Biondi; Roccella, Campanaro, Moi, Bruno (38’st Chidichimo); Iannizzotto (36’st Brugaletta), Cosenza, Cuomo; Alma (30’st La Vardera), Dorato (49’st Cataldi), Bonanno (27’st Trombino). A disp. Cascione, De Luca, Marinali, Raimondi. All. Romano

NOCERINA (3-5-2): Gomis; Matino (1’st Di Minico), Manzo, Schettino (15’st Giacinti); Vitolo, Coppola, Cecchi (1’st Alvino), Marsili (37’st Dieme), Vanacore; Russo, Cavallaro. A disp. Mennella, Accardo, Ragone, Ferri, Tammaro. All. Morgia

ARBITRO: sig. Di Marco di Ciampino. Assistenti: Ravera di Lodi e Bonomo di Milano

MARCATORI: 17’pt, 12’st Bonanno (G), 30’st Russo (N)

NOTE: pomeriggio nuvoloso. Campo in buone condizioni. Spettatori circa 400 Ammoniti: Vitolo (N), Bonanno (G), Bruno (G), Matino (N), Moi (G), Schettino (N), Angoli: 3-7 Recupero: 2’pt; 6’st

Terza sconfitta esterna stagionale per la Nocerina, che soccombe sotto i colpi del Gela. Due a uno il risultato finale, al termine di una gara interpretata meglio dai padroni di casa, guidati da un super Bonanno, autore di una splendida doppietta. Di Russo il gol della bandiera per la Nocerina.
Il tecnico dei locali Romano si affida al collaudato 4-3-3, col classico tridente d’attacco composto da Alma, Dorato e Bonanno.

Morgia lascia in panchina l’acciaccato Alvino e si affida al 3-5-2, con Russo e Cavallaro a reggere il peso del reparto offensivo.

BONANNO LA SBLOCCA. La prima occasione della gara è di marca ospite. Al 3’ Marsili ci prova con una bordata dai venti metri che termina, però, piuttosto alta. La risposta del Gela non tarda ad arrivare. Al 15’ Bonanno smarca Dorato, che incrocia verso la porta avversaria ma trova sulla sua strada l’ottima respinta in angolo di Gomis. Due giri di lancette più tardi i padroni di casa passano in vantaggio. Bonanno si incarica di battere un calcio di punizione dai venti metri che termina in fondo al sacco all’altezza del primo palo. Sesto centro stagionale per l’attaccante gelese. Al 27’ i locali sfiorano il raddoppio. Altro calcio di punizione di Bonanno, questa volta per la testa di Cosenza che indirizza a botta sicura verso i pali di Gomis, ancora bravissimo a rifugiarsi in corner. Al 40’ si presenta al tiro il solito Bonanno, che costringe Gomis all’ennesima deviazione in angolo. È l’ultimo sussulto della prima frazione, che si conclude dopo due minuti di recupero.

ANCORA BONANNO, POI RUSSO. La ripresa inizia con due novità per la Nocerina. Di Minico e Alvino prendono il posto di Matino e Cecchi, con conseguente ritorno al 3-4-3. I cambi sortiscono gli effetti sperati, visto che gli ospiti sembrano avere un piglio diverso. Al 7’una rasoiata di Di Minico termina di un soffio a lato. Al 12’ il Gela, trova, però, la seconda rete. Bonanno indovina il gol della domenica con una magistrale bordata a volo dal vertice sinistro dell’area di rigore. La Nocerina accusa il colpo e fatica ad impostare una reazione degna di nota. Al 30’, quasi in maniera casuale, i molossi riaprono i conti. Russo si libera al tiro da centro area e la sfortunata deviazione di Cuomo spiazza Biondi. Al 43’ i molossi vanno vicini al pareggio. Traversone di Alvino per Dieme, che colpisce di testa a botta sicura ma deve fare i conti un super Biondi, bravissimo ad allontanare la sfera dalla sua porta. Al 44’ il centravanti rossonero prova ad aggiustare la mira ma, sempre di testa, spedisce a lato per questione di centimetri. Il forcing finale dei rossoneri nei sei minuti di recupero concessi dall’arbitro non porta agli affetti sperati. Cavallaro e soci escono con le ossa rotte dal “Presti” e perdono nuovamente contatto dalla vetta della classifica.

Fabio Vicidomini, ForzaNocerina.it