NOCERINA, il commovente saluto di Coppola: “il rossonero seconda pelle”

NOCERINA, il commovente saluto di Coppola: "il rossonero seconda pelle"

Un turbine di emozioni. Mario Coppola affida al proprio profilo Facebook i saluti “sofferti e dolorosi”, come lui stesso li definisce, alla maglia della Nocerina. Riportiamo integralmente il messaggio pubblicato dal centrocampista passato nei giorni scorsi al Potenza:

Capire tu non puoi, tu chiamale se vuoi EMOZIONI”
Ebbene sì, qualsiasi calciatore che non ha mai indossato la maglia rossonera non potrà mai capire quello che si scatena dentro di te ed io di emozioni ne ho provate davvero tante. Sono arrivato a Nocera nel luglio del 2016 ed è stato un colpo di fulmine. Poche volte, nell’arco della mia carriera, mi è capitato di emozionarmi davanti a una curva che ogni domenica, ogni santa domenica, ci incitava e incoraggiava a raggiungere il massimo risultato. Per me, non c’era differenza se giocavamo in casa o in trasferta, perché sapevo che anche fuori le mure del San Francesco c’eravate voi a invogliarmi a gettare il cuore oltre l’ostacolo. La casacca rossonera era diventata una seconda pelle. L’idea di portare la città di Nocera e la Nocerina nel campionato che merita era più forte delle ambizioni personali, al punto che anche dopo la mancata presentazione della domanda di ripescaggio in Lega Pro (dopo aver vinto i play-off del campionato 2016/2017) ho deciso di non prendere minimamente in considerazione le numerose proposte che giungevano da altre squadre. Ma quando viene messa in discussione la mia serietà e professionalità di uomo prima e di calciatore poi da parte di chi, ormai, non crede più in te, beh allora c’è ben poco da fare, se non prendere la decisione più dolorosa, più sofferta e andare via.
Grazie per tutto l’amore che mi avete dimostrato ogni giorno, grazie per avermi permesso di entrare a far parte della vostra famiglia, grazie per aver creduto in me. Grazie a Ciccio Alvino, mio amico fraterno, grazie a Giovanni Oliva, che mi ha trattato come un figlio, grazie a tutti i compagni di squadra che mi hanno sempre sostenuto, grazie a Gianni Simonelli, persona d altri tempi, grazie al pres Padovano, uomo eccezionale e grazie a Peppe Prete, che ha puntato su di me e mi ha permesso di indossare questa maglia!
Ad oggi, posso dire che la parte più bella di questa esperienza siete stati proprio VOI!
È stato un onore.
Mario Coppola

redazione ForzaNocerina.it