L’AVVERSARIO: la Sancataldese di Giuseppe Mascara

L'AVVERSARIO: la Sancataldese di Giuseppe Mascara

Reduce da un bruciante due a uno subito in casa del Gela, che vale la terza sconfitta consecutiva, la Sancataldese ha appena un punto di vantaggio sulla zona play-out e più che mai bisogno di una vittoria. È quasi obbligata a ottenerla con le unghie e con i denti nel match di domenica, che la vedrà ospitare la Nocerina di Viscido e Chiancone, seconda forza e piacevole sorpresa del campionato.

LA SQUADRA. Allenata dalla bandiera ed ex fantasista del Catania Giuseppe Mascara, la Sancataldese è una squadra allestita per poter raggiungere la salvezza tranquilla senza troppi patemi d’animo. A difesa della porta c’è il portiere over Nunzio Franza, che comanda la retroguardia a quattro composta dal diciottenne Carmelo Florio, Salvatore Di Marco, Lorenzo Longo e da Salvatore Maimone. A centrocampo, le doti fisiche e l’esperienza di Fabio Calabrese e Claudio Costanzo permettono all’under Davide Di Stefano di servire gli attaccanti con maggiore libertà. Questi ultimi, sono di buona qualità, e rispondono ai nomi di Salvatore Cocuzza (altro ex di giornata), Alessandro Aiola e di Luca Ficarrotta. Per quest’ultimo, la sfida con la Nocerina ha un sapore decisamente particolare, poiché vestì la maglia rossonera nella maledetta stagione 2013/14.

I PRECEDENTI. La Nocerina e la Sancataldese hanno incrociato i tacchetti per la prima volta nella scorsa stagione, allo stadio “Valentino Mazzola”. In quell’occasione, i molossi subirono una sconfitta per due a uno che suscitò non pochi malumori. Nella gara di ritorno, invece, i rossoneri allenati da Massimo Morgia vendicarono il k.o. dell’andata, battendo i siciliani grazie a un rigore di Giovanni Cavallaro.

Francesco Belsito, ForzaNocerina.it