Nocerina e Turris non si fanno male, al San Francesco finisce zero a zero

Nocerina e Turris non si fanno male, al San Francesco finisce zero a zero

NOCERINA 0

TURRIS 0

NOCERINA (3-5-2): Feola; Vuolo, Caso, Salto; Odierna (37’ Iodice), Vatiero (65’ Califano), Pecora, De Feo; Festa; Amendola (56’ Orlando, 72’ Di Crosta), Simonetti. A disp.: Novelli, Ansalone, Branchi, Capaccio, Riccio. All. Gerardo Viscido.

TURRIS (4-3-3): D’Inverno; Esempio, Riccio, Varchetta, Formisano (77’ Auriemma); Vacca (84’ Franco), Aliperta, Fabiano (82’ Tarallo); Celiento (72’ Guarracino), Longo, Addessi (59’ Cunzi). A disp.: Casolare, Lagnena, Caiazzo, Fibiano. All. Francesco Fabiano.

ARBITRO: sig. Michele Delrio di Reggio Emilia. Assistenti: De Cristofaro di Rovereto e Marchetti di Trento.
NOTE: pomeriggio freddo e soleggiato. Campo in cattive condizioni. Aliperta (T) fallisce un calcio di rigore (palo) al 30’. Ammoniti: Vuolo (N), De Feo (N), Riccio (T), Pecora (N). Calci d’angolo: 1-5. Recupero: 2’ pt; 5’ st. Spettatori: mille circa.

NOCERA INFERIORE. Dopo tre sconfitte consecutive, la Nocerina coglie uno scialbo zero a zero nel derby con la Turris allo stadio “San Francesco”. Prestazione non del tutto convincente quella dei rossoneri che, però, nonostante un primo tempo sottotono, annullano completamente l’attacco avversario nella ripresa. Per la Turris, invece, c’è tanto da recriminare per via del rigore sbagliato da parte dell’ex di giornata Domenico Aliperta.

LA TURRIS SPRECA E FALLISCE UN PENALTY CON L’EX ALIPERTA, NOCERINA IN CONFUSIONE MA VIVA. Vogliosa di riscatto e di punti fondamentali in chiave salvezza, la Nocerina di Gerardo Viscido si schiera con il solito 3-5-2. Tra le novità di giornata ci sono il debutto della neo arrivata mezza punta Luciano Amendola e l’impiego di Vatiero come mezzala destra dal primo minuto. Per la Turris, invece, il tecnico Francesco Fabiano si affida al 4-3-3, confermando il temibile trio d’attacco formato da Celiento, Longo e Addessi. Pronti via ed è subito la Turris a rendersi pericolosa. Uno svarione difensivo di Pecora e Vuolo favorisce l’inserimento di Longo in area di rigore; il centravanti ospite, però, strozza la conclusione, facile preda della difesa molossa. All’11’ la Nocerina protesta per un fallo in area di rigore su Odierna non ravvisato dall’arbitro. Due minuti dopo, sugli sviluppi di una punizione dalla destra, Caso anticipa la difesa avversaria, ma il piattone indirizzato verso la porta è troppo debole. Al 19’, la Turris si vede annullare il gol del vantaggio. Longo concretizza di testa un perfetto spiovente di Aliperta, ma il direttore di gara non assegna la rete per fuorigioco. Dieci minuti più tardi, Vuolo non legge il filtrante di Celiento per Longo, commettendo fallo e scaturendo l’inevitabile calcio di rigore. Per fortuna dei rossoneri, l’ex di giornata Domenico Aliperta colpisce il palo alla destra di Feola. Il numero uno molosso compie un vero e proprio miracolo poco dopo su un tiro a botta sicura di Longo, respingendolo in corner. La Nocerina, pur essendo in evidente affanno, risponde alla fine del primo tempo con Amendola. Il dieci rossonero, lanciato in profondità e solo davanti al portiere, effettua un pallonetto che termina fuori.

RIPRESA NOIOSA E POVERA DI EMOZIONI, TRA NOCERINA E TURRIS FINISCE ZERO A ZERO. L’inizio della ripresa è povero di emozioni, e vede entrambe le squadre guardinghe e molto attente alla fase difensiva. Il primo pericolo del secondo tempo lo crea la Nocerina con una punizione di Pecora, terminata alta di poco. La Turris replica al 67’ con un colpo di testa di Vacca sugli sviluppi di un calcio d’angolo, che viene deviato da Feola con la punta delle dita. Nei minuti finali di una noiosissima ripresa, la Nocerina prova a prendere coraggio e a riversarsi nell’area corallina, senza però creare occasioni da gol. Dopo cinque minuti di recupero, il triplice fischio dell’arbitro decreta un pareggio a reti bianche giusto, che la Nocerina può accogliere a braccia aperte e con un sorriso.

Domenico Pessolano, ForzaNocerina.it