VISCIDO se la prende con gli infortuni: “ai miei nulla da rimproverare!”

VISCIDO se la prende con gli infortuni: "ai miei nulla da rimproverare!"

Non ci sta Gerardo Viscido, nel ventre del Comunale di Locri, a fine gara, il tecnico rossonero difende a spada tratta una Nocerina che sul doppio vantaggio si è vista riacciuffare dai padroni di casa. Portano a casa un punto i rossoneri, che magari potevano essere tre con un pizzico di attenzione in più, ma nonostante tutto Viscido guarda al bicchiere mezzo pieno: “sarò ripetitivo ma forse qualcuno si è dimenticato troppo in fretta delle condizioni in cui siamo partiti ad inizio torneo – esordisce il tecnico molosso –  per noi ogni singolo punto è oro. In questo momento siamo una Nocerina diversa, ben lontana da quella che negli anni scorsi è partita con l’intento di vincere il campionato. Sento parlare di noi come l’antagonista principale del Bari e francamente mi viene da ridere. Quello di oggi è comunque un punto importante, uno in meno verso la quota salvezza che resta l’unico e solo obiettivo di questa squadra”.

Poi Viscido passa all’analisi della gara: “In campo ci sono anche gli avversari, merito a loro che ci hanno sempre creduto, sono sempre stati in partita. Noi tutto sommato abbiamo sofferto il giusto, del resto giocavamo fuori casa, ma non siamo quasi mai andati in difficoltà, a memoria non mi ricordo grossi interventi da parte del nostro portiere. Nella ripresa però abbiamo abbassato troppo il nostro baricentro e gli abbiamo concesso campo, un atteggiamento che abbiamo finito per pagare caro. Certo fa male tornare da Locri con un pareggio dopo essere andati sul doppio vantaggio ma la squadra ha dato tutto quello che poteva. Ci è mancato un pizzico di fortuna in più, al netto di qualche errore di troppo commesso. Ma nella situazione attuale non mi sento di rimproverargli nulla”.

Nemmeno troppo velato il riferimento ad una rosa falcidiata dagli infortuni e che dopo un avvio sprint sta giustamente tirando un po’ il fiato: “Ruggiero rientrava da un lungo infortunio e lo abbiamo tenuto in campo finché è stato possibile, Simonetti ha stretto i denti fino alla fine nonostante non fosse al top della forma. In panchina oltre a Montuori e Vatiero c’erano tutti giovani e giovanissimi, alcuni anche all’esordio. Ho provato a cambiare qualcosa nella ripresa – conclude Viscido – ma come dicevo all’inizio non ci siamo solo noi in campo. È un momento particolare per tutti, dobbiamo recuperare al più presto gli infortunati e ritrovare lo spirito che ci ha contraddistinto nelle prime gare di questo campionato”.

Domenico Pessolano, ForzaNocerina.it