UN GIRONE DOPO: la Gelbison di Luigi Squillante

UN GIRONE DOPO: la Gelbison di Luigi Squillante

Grazie a cinque risultati utili di fila conquistati nelle ultime gare, la Gelbison è venuta fuori dalla zona retrocessione, proiettandosi verso una posizione in classifica decisamente più tranquilla. Per confermare il proprio momento di forma, la squadra cilentana dovrà battere la Nocerina di Marcello Esposito tra le mura amiche nel pomeriggio di domani, in quella che sarà una vera e propria sfida salvezza.

LA FORMAZIONE. Allenata da Luigi Squillante, tecnico subentrato ad Alessio Martino lo scorso 5 novembre, la Gelbison è una squadra che vanta la quarta miglior difesa del torneo, ma anche il secondo peggior attacco con soli sedici gol fatti. Ed è proprio la difficoltà ad andare a segno il problema principale dei cilentani, relegati al dodicesimo posto a ventotto punti. Tra i pali c’è l’esperto Bernardino D’Agostino, che guida la difesa a quattro composta da Raffaele De Gregorio (’99), Davide Cassaro, dall’ex Nocerina Francesco Mautone e dal classe ’01 Arturo Onda. Le chiavi del centrocampo sono affidate all’esperto mediano Francesco Uliano, capocannoniere della squadra con sei reti supportato dalle mezzali Nicolas Marin e Alessandro Caruso (’00). Il trio d’attacco, invece, è composto da Gianmarco Tedesco e dagli ex di turno Felice Simonetti e Fabio Orlando. Infatti, le due punte campane hanno vestito la maglia della Nocerina lo scorso anno e contribuito fortemente alla salvezza a suon di gol e assist.

I PRECEDENTI. Le ultime due sfide allo stadio “Morra” tra Gelbison e Nocerina sono state disputate nei campionati di Serie D 2016/17 e 2017/18. Nella prima occasione, i rossoneri subirono una sonora sconfitta per tre a uno che costò la panchina al tecnico Vincenzo Maiuri. Nella seconda, invece, evitarono il k.o. solo grazie al gol del definitivo uno a uno siglato da Luigi Manzo.

Domenico Pessolano, ForzaNocerina.it