TRIPLICE FISCHIO: col Latte Dolce arriva il primo pareggio casalingo

TRIPLICE FISCHIO: col Latte Dolce arriva il primo pareggio casalingo

Il primo pareggio casalingo tarpa un po’ le ambizioni di vetta della squadra rossonera. Se è vero che la Nocerina ha creato diverse occasioni da gol, è altrettanto vero che il momentaneo vantaggio è arrivato solo grazie a un autogol dei sardi. La squadra di Udassi trova il pari quasi subito grazie a una dormita della difesa.

IL PROTAGONISTA – Ha macinato chilometri su chilometri, nella gara di ieri, Panos Katseris. Il giovane esterno greco è uno dei pochi calciatori rossoneri che punta l’uomo e tenta di superarlo. Considerando che, in fase di possesso palla degli avversari, era chiamato costantemente a difendere, ha svolto un superlavoro che va premiato con la palma di miglior calciatore in maglia bianca, per l’occasione, in campo. Per crescere servono sacrificio, continuità e un pizzico di presunzione, qualità che non mancano al numero 20 di questa Nocerina.

IL MOMENTO CHIAVE – Corre l’ultimo secondo della gara. De Iulis, scattato sul filo del fuorigioco, si ritrova a tu per tu con Urbietis. Contrastato, spalle alla porta, l’attaccante rossonero da poco entrato in campo, avrebbe sui piedi la palla di un vantaggio che, al quarto minuto su quattro di recupero, avrebbe potuto significare vittoria. La palla indirizzata, in qualche modo, verso la porta avversaria, si perde di poco a lato. Sfuma, così, per la Nocerina, la possibilità di fare un importante balzo in avanti in classifica.

DIETRO LA LAVAGNA – Dovranno stringersi un po’, stavolta, i calciatori della Nocerina. Dietro la lavagna ci vanno Cappa, Impagliazzo, Morero e Donida, praticamente l’intero reparto arretrato rossonero, apparso impreparato e immobile in occasione della punizione che ha portato al pari sardo. Corre il 10° minuto della ripresa quando la formazione sassarese conquista una punizione dai venticinque metri. La palla, battuta a sorpresa, finisce tra le gambe di Manoni che, nel tentativo di rinviare, serve un involontario assist a Scognamillo, che batte un immobile Cappa con un colpo di testa tutt’altro che imprendibile.

Fabio Vicidomini, ForzaNocerina.it