Auteri: ”un vero peccato”

NOCERA INFERIORE – C’è rammarico ma anche voglia di ripartire nelle parole di Gaetano Auteri al termine della sfida contro il Livorno; il tecnico, al suo ritorno sulla panchina rossonera, analizza così il pareggio contro la formazione toscana: “stavamo gestendo bene la partita, anche se nel secondo tempo eravamo un po’ calati fisicamente,” spiega Auteri in conferenza stampa, “sono convinto che non abbiamo pareggiato la partita per questo motivo; nel secondo tempo probabilmente dovevamo essere più propositivi e non limitarci alla gestione, poi c’è stato questo gran gol di Siligardi che ci ha rovinato la festa: è stato un peccato perché sarebbero stati tre punti che ci avrebbero dato morale e convinzione.” Resta la buona prestazione per i molossi: “avremmo meritato di vincere e le cose positive viste in campo restano,” conferma Auteri, “nel finale non avevamo più la forza di cercare la vittoria ma per gran parte del match abbiamo messo in grande difficoltà il Livorno che è una squadra importante con buone individualità.”
Quella contro il Livorno è stata la prima sfida in panchina dopo l’esonero lampo di inizio Gennaio: “il mio rapporto con il gruppo è sempre stato ottimo ed anche il rapporto tra il gruppo e l’ambiente esterno è buono,” si affretta a precisare Auteri, “ci sono stati dei momenti in cui l’ambiente ha avuto qualche scossone per mezzo di verità distorte, fatte circolare ad arte, ma noi sappiamo bene cosa dobbiamo fare e speriamo di trarre linfa da una prestazione buona come quella di oggi.” Nessun messaggio lanciato alla dirigenza rossonera: “non ho niente da dire alla società,” chiude l’allenatore siciliano, “ci sono state delle differenze di valutazione in qualche momento ma di fondo c’è sempre stato un rapporto ottimo; in questo momento avremmo bisogno di una settimana di lavoro, invece abbiamo partite di continuo e questo non aiuta soprattutto perché alcuni calciatori che non sono al massimo dal punto di vista fisico.”
Felice a metà il bomber Castaldo, tornato al gol: “mi auguro di aver ricucito il rapporto con tutti con questo gol,” dichiara il bomber di Giugliano al termine del match, “lo cercavo da tempo e lo sfogo al momento dell’esultanza era dovuto a questo.” Sulla sfida contro il Livorno Castaldo precisa: “sia io che la squadra abbiamo fatto bene, ma siamo stati sfortunati,” spiega l’attaccante rossonero, “Siligardi si è inventato un eurogol e ci ha costretto al pari; era da molto che non facevamo una prestazione così, ho visto più cattiveria ed incisività ma resto rammaricato per gli ultimi minuti che ancora una volta ci sono costati cari.” L’attaccante giuglianese, però, ci crede ancora: “la classifica non è compromessa,” conclude Castaldo, “siamo a pochi punti dalla salvezza: Martedì ad Ascoli cercheremo di ripetere la prestazione di oggi; non sarà facile ma sicuramente non sarà una partita semplice nemmeno per loro: raggiungere la salvezza sarebbe come vincere un altro campionato e noi ci crediamo ancora.”
Rammarico anche per Parola, autore di un’ottima prestazione: “nel secondo tempo ci siamo abbassati troppo,” ammette il centrocampista rossonero, “loro hanno iniziato a buttare palla lunga ed hanno trovato il classico eurogol ma prima non avevano creato molto; non dobbiamo demoralizzarci e dobbiamo prendere il buono di questa prestazione e cercare di migliorare, anche per quanto riguarda la tenuta atletica.” La squadra è apparsa anche stanca nel finale di gara: “nella ripresa c’è stato un calo generale di tutta la squadra ed anche mio,” prosegue Parola, “restiamo comunque fiduciosi e convinti di poter puntare alla salvezza nonostante questo pareggio.” Da osservatore privilegiato il mediano ex Piacenza commenta anche il cambio di allenatore: “mi trovavo bene con Campilongo e mi dispiace per il suo esonero però credo che questa squadra si esprima al meglio con Auteri,” conclude Parola, “nel gruppo c’è grande coesione e mi sono inserito subito bene: sul campo c’è grande intesa con i compagni di reparto e con tutta la squadra; questo è un gruppo che non merita questa situazione di classifica e sicuramente c’è tempo per recuperare.


Filippo Attianese, ForzaNocerina.it (foto ©2012 di Ciro Pisani)