Nocerina, si salva solo Concetti

Nocerina, si salva solo Concetti

Concetti – 6 – Il migliore in assoluto, ed è tutto dire. Due ottimi interventi evitano l’umiliazione di una goleada. Sempre presente anche nelle uscite. Determinante.

Nigro – 4 – Fa quello che può ma è poca cosa, fortunatamente dalla sua parte si gioca poco. Nella ripresa funge da comprimario e la sua partita termina al trentaduesimo della ripresa.

Di Maio – 4 – Spostato a sinistra rende meno, ma nulla è imputabile al difensore napoletano se non al pari di tutti i compagni di reparto. Sul raddoppio avversario forse ha subito fallo (forse) ma poteva e doveva fare di più.

De Franco – 4 – Lotta con le armi che ha, ma non riesce a limitare lo strapotere degli avanti lombardi, del pacchetto arretrato però, è il più attivo.

Pomante –  4 – Stesso discorso fatto per De Franco, il fisico non basta a fermare la velocità della coppia di attaccanti El Kaddouri Jonathas. Sostituito al decimo della ripresa da Castaldo.

De Liguori – 4 –
Rincorre Budel e company per tutto il primo tempo. Il passo è decisamente inferiore rispetto ai dirimpettai e si nota. Nella ripresa la musica non cambia. Al pari di altri compagni se a trent’anni non aveva mai giocato in B un motivo ci sarà.

Bruno – 4 –
Non pervenuto nella prima frazione di gioco. Infatti viene sostituito ad inizio ripresa.

Parola – 4 – A tratti troppo lento e lezioso, perde due palle nel cerchio di centrocampo che i calciatori del Brescia tramutano in due contropiedi micidiali che a turno Jhonatas e Budel sprecano malamente. Nel complesso da un calciatore dall’illustre passato ci si attendeva molto di più.  Da rivedere.

Bolzan – 4 –
Spinge poco nella prima frazione di gioco, pensa per lo più a coprire ma con risultati poco lusinghieri. Ripresa senza infamia e senza lode, come tutti del resto.

Farias – 4 – Gioca anche stasera in una posizione ibrida che lo vede svariare in tutte le zone del campo, ma è comunque evanescente e poco costruttivo nella prima parte. Nella ripresa, prova qualcosa di più ma anche il suo talento si è perso irrimediabilmente nello squallore generale.

Plasmati – 4 – Avanti serve a poco in quanto palloni giocabili non né arrivano mai. In difesa, almeno, si rende utile  sulle palle inattive come battitore libero vecchio stampo.

Alcibiade, Castaldo, Catania – sv –
Dai cambi ci si aspetta una miglioria, in questo caso, purtroppo, non è così. Lo si sapeva già. Ma questa è un’altra storia.

Campilongo – 3 – Che si sia preso una bella gatta da pelare e’ cosa risaputa. L’uomo non lo si può discutere perché non lo si conosce. Quello che si discute adesso, invece, sono le dichiarazioni rilasciate  al suo arrivo, e per tenere fede alle stesse, (“la società mi ha promesso almeno tre calciatori di categoria”), deve salutare e togliere il disturbo. Dal punto di vista tecnico, invece, la squadra ha avuto una involuzione talmente evidente, che quasi sfiora la depressione.

Lorenzo Orefice, ForzaNocerina.it