Quel silenzio assordante

Quel silenzio assordante

Il San Francesco che inizia a svuotarsi ancora prima del triplice fischio, quelli che restano usciranno poi col capo chinato in religioso silenzio. Non solo la sconfitta, l’ottava tra le mura amiche ma anche l’umiliazione di una squadra che non ha mai dato nessun cenno di reazione nemmeno dopo il goal di Sansone, il crollo del sogno molosso e la conferma di una profonda crisi. A caratterizzare ulteriormente la pessima serata di ieri è stato il vuoto sugli spalti, l’assenza degli ultras, che hanno deciso di contestare duramente società e squadra, le stesse che hanno osannato appena pochi mesi fa. “Questa assenza, questo silenzio… manifestano il nostro dissenso” l’unico grande striscione che campeggiava sulla recinzione della curva sud. Sul banco degli imputati il DS Ivano Pastore, eloquente lo striscione esposto nei distinti “Di notte non si scappa, fuori la verità!!! Pastore vattene”, ma la contestazione non ha risparmiato nemmeno il presidente Giovanni Citarella. La Nocerina sul fondo della classifica, un ambiente intorno difficile da gestire, una piazza sempre più esigente, stanca di tollerare errori, che in fondo chiedeva solo una tranquilla salvezza. Ora il tempo stringe, i punti in palio si riduco di giornata in giornata ma sono ancora troppi per arrendersi, non si può pensare di essere già retrocessi con venti giornate di campionato ancora da giocare e allora forse è giunto il tempo si seppellire l’ascia da guerra e sostenere la maglia, i colori rosso-neri, almeno noi tifosi stringiamoci nella speranza dell’ impresa.


Alfonso Grillante, ForzaNocerina.it (foto ©2012 di GiusFa Villani)