Figliomeni: “salvezza possibile ma dobbiamo fare risultato anche in trasferta”

Figliomeni: “salvezza possibile ma dobbiamo fare risultato anche in trasferta”

Contro l’Empoli una squalifica lo ha costretto a guardare i compagni ma contro il Grosseto tornerà a disposizione; parte proprio dalla sfida di Sabato scorso il centrale rossonero Figliomeni che analizza così la vittoria che ha rilanciato le chance salvezza dei molossi: “ho sofferto a vedere la partita da casa, l’ho vissuta praticamente da tifoso ma avrei preferito essere in campo e giocare,” spiega il difensore rossonero in conferenza stampa, “non è stata una bella partita ma ci abbiamo messo cuore e grinta e dobbiamo continuare in questo modo per fare risultato anche fuori casa.” Di certo la difesa resta il reparto più in difficoltà, a prescindere dal modulo utilizzato da mister Auteri che ha variato più volte schieramento: “come numeri stiamo facendo meglio anche in difesa nell’ultimo periodo però sarebbe bello portare a termine qualche partita senza subire gol, almeno per noi difensori,” conferma Figliomeni, “per me non è importante il modulo: io mi adatto bene ad entrambi gli schieramenti avendo giocato anche come terzino in carriera; sicuramente preferisco il ruolo di centrale, che sia in una difesa a tre o in quella classica a quattro.”
A Grosseto la Nocerina dovrà fare i conti con assenze pesante: “ci mancheranno un elemento importante come Negro e forse non sarà della partita Merino,” prosegue Figliomeni, “le assenze saranno concentrate tutte in un reparto, quello d’attacco, ma tutta la rosa si allena bene e chi gioca non farà rimpiangere gli altri. “Magari in caso di necessità potrebbe arrivare un gol di un difensore,” aggiunge sorridendo il centrale rossonero, “un gol di Figliomeni o di Di Maio.” Ma a prescindere dal marcatore per i molossi sarebbe importante conquistare i tre punti: “per noi sarebbe fondamentale fare risultato a Grosseto,” conclude lo stopper molosso, “loro non hanno più molto da chiedere al campionato ma proprio per questo potranno giocare senza troppe pressioni, saranno spensierati; noi invece dovremmo opporre la nostra rabbia e la nostra voglia di dimostrare che siamo ancora in corsa e siamo ancora vivi.”

Filippo Attianese, ForzaNocerina.it