Juve Stabia, Braglia scuote le vespe: ”Gara decisiva anche per noi”

Juve Stabia, Braglia scuote le vespe: ''Gara decisiva anche per noi''

Piero Braglia striglia la Juve Stabia. Il tecnico toscano tiene alta l’attenzione ad ormai pochi giorni dall’attesissimo derby contro la Nocerina evidenziando l’importanza di una gara che va intesa come determinante anche per il futuro della stagione gialloblù: “Sarà una partita importante per entrambe le formazioni – spiega il trainer -, spero solo che i ragazzi giungano a sabato con la carica giusta. Ogniqualvolta ci fermiamo per una sosta sembra quasi che ci troviamo su un campo di calcio per caso, non per una scelta di vita: temo più il momento psicologico del mio undici che il lavoro che Auteri sta facendo con i suoi. Non siamo favoriti, affronteremo una Nocerina che gioca un buon calcio ed è in crescita, per vincere dovremo essere motivatissimi e correre più del solito, d’altronde è questa la cosa che sappiamo fare meglio e che ci permette di competere con chiunque. In passato abbiamo dimostrato che se non diamo il massimo possiamo perdere ogni partita, i ragazzi lo sanno e sono convinto che già domani entreranno nel classico clima partita”. Si parla tanto di ultima spiaggia per i molossi, ma anche per le vespe la gara di sabato potrebbe cambiare il destino della stagione: “Dei rossoneri non parlo, ho sempre guardato esclusivamente in casa mia e non ho intenzione di cambiare ora. Un successo ci permetterebbe di portarci ad 11 punti da una salvezza che, calendario alla mano, è ancora ampiamente in discussione: dopo il derby affronteremo in casa formazioni come il Torino, il Varese, il Padova e la Sampdoria, le possibilità di vincere o perdere sono eguali. In trasferta affronteremo invece una serie interminabile di scontri diretti, è pressappoco impossibile capire dove potremo realmente fare punti. Al momento non sentiamo alcuna pressione particolare relativa al prossimo match, i tifosi ci stanno sostenendo permettendoci di lavorare con la solita serenità”. E proprio la tifoseria è al centro del piano sicurezza impostato dalle istituzioni locali: “Mi vien da ridere quando leggo che l’uscita del settore ospiti qui non è sicura, non ho mai visto altrove un’organizzazione tanto capillare. Da quando io sono qui i nostri sostenitori sono sempre stati encomiabili, sono convinto che ormai siano tanto maturi da non commettere stupidaggini tali da metterci nei guai. Amano tanto il nostro club, è questa l’occasione giusta per dimostrarlo una volta di più”. Pretattica o meno, non sono tantissime le possibilità che la Juve Stabia arrivi a sabato con l’organico a piena disposizione: “Ogni giorno si ferma qualcuno per febbre o acciacchi vari, al momento non credo che contro la Nocerina possano essere tutti arruolabili. Lo stesso Scognamiglio è in forte dubbio, se lo staff medico non mi darà tutte le certezze del caso sulla sua guarigione totale non sarà rischiato”. Nessuna speranza particolare invece per quel che concerne il Tnas: “So come funziona, le nostre strade si sono già incrociate con il Taranto: dal momento dell’udienza possono passare novanta giorni prima che si decida, magari arriveremo a maggio che ancora non sappiamo nulla – scherza Braglia -. Vedendo i tempi impiegati con gli altri club negli ultimi tempi potremmo avere novità la prossima settimana, speriamo solo che siano positive”. Intanto la società vara il “Tour delle Coppe”, con la Coppa Italia Lega Pro ed il trofeo vinto per la promozione in serie B che saranno messi a disposizione dei tifosi per foto ricordo presso i negozi degli sponsor del club. Il primo sarà Fly Line, che già questo pomeriggio esporrà i due cimeli.

fonte: Gioacchino Roberto Di Maio, www.stabiachannel.it
(foto ©2012 di Ciro Pisani)