Guardiamo avanti, radiomarciapiede on-line

Guardiamo avanti, radiomarciapiede on-line

Guardiamo avanti

 

Non facciamo le pecore, guardiamo avanti, è andato via il condottiero del bestiame e che facciamo, lasciamo morire lentamente le nostre pecorelle?

No dai! guardiamo avanti, tutti possono sbagliare, tutti possono, ma tutti prima o poi si accorgono dei loro errori ed allora guardiamo avanti senza tralasciare, il passato, che può insegnare tanto, che può essere d’aiuto per non ricadere sempre negli stessi errori, anche perché sembra rinsavito anche il più grande scettico di questo mondo, sembra rinsavito anche chi ha dato poco e ricevuto tanto, ma per amore del patrimonio, ora bisogna spendere.

Spendere bene significa, sbagliare il meno possibile, ed ecco che allora dalle pecorelle si passa agli animali più forti ed astuti, girandola di voci, stamane nei pressi di un’edicola al centro,

– è arrivato Caserta,

– ma come stanno i blocchi,

– è arrivato Mengoni,

-chi è Mengoni, un difensore del Barletta, ancora serie C

-ma non importa la serie da dove arriva, questo in B ha giocato, due stagioni intere almeno,

– si ma non era meglio prendere Grava??

– vanno via diversi interlocutori a questa affermazione,

– è arrivat Farias, dice un ragazzino, quasi deriso dalla gente,

– permesso è arrivat Faris deve comprare il giornale,

– solo il buon Diego fa per un attimo finire l’elenco telefonico dei nomi, redatto dal gruppo “stat alveo santa e basta”,

– ed ecco l’ultimo, quello dei moikani che dice: Augh, prima di prendere tizio o caio, dobbiamo liberarci di tanta Mangiapane a tradimento,

– whuaaaaa ancor cu stu Mangiapane e chimma fa??

E si scoglie la comitiva come neve al sole.

………………………………………………………………………………continua

 

Sara Cinesca