Tifosi protagonisti, da Torino: “forza molossi non mollate!”

Tifosi protagonisti, da Torino: “forza molossi non mollate!''

Pessimista o ottimista?  Ci eravamo lasciati con questo interrogativo la scorsa settimana. Popolo rossonero diviso, questo il responso considerando il tenore delle tante mail ricevute. C’è chi ancora ci crede e chi ormai ha gettato la spugna, non mancano gli indecisi come un augurio particolare da un tifoso del Torino:

 

 

Salve a tutti,

sabato scorso, contro il Cittadella, credo che abbiamo messo la parola “FINE” a questo sogno trasformatosi troppo rapidamente in un incubo. E’ deprimente farlo così, con ancora tanti punti in palio e con un distacco dalla zona salvezza assolutamente non proibitivo; è deprimente essere diventati lo zimbello di un campionato prestigioso come la Serie B; è deprimente non aver avuto la possibilità di lottare, di giocarcela; è deprimente che squadre vengano a vincere a Nocera seguite letteralmente da 2 tifosi, mentre centinaia, o migliaia (vedi Bari), di supporter rossoneri tornino dalle trasferte puntualmente a testa bassa, replicando il gesto al sabato seguente, in casa.

Eravamo stati ingolositi da una stagione, quella scorsa, quando al triplice fischio finale del match domenicale già si attendeva trepidanti quello successivo. Vittorie e soddisfazioni, forse anche troppe, col senno di poi. Mai avrei immaginato, così come tanti altri miei concittadini, che il nostro ritorno in B si sarebbe ricoperto così di ridicolo.

Presidente dilettante, allenatore presuntuoso, direttore incompetente, giocatori non all’altezza. Individuiamo i colpevoli e massacriamoli, l’unico sfogo concesso ai tifosi frustrati come me.

La mia lettera però non vuol essere la solita cantilena su chi ha pensato esclusivamente al proprio tornaconto o a chi non ha avuto la voglia o la capacità di lottare per questi colori. Nonostante rammaricato, voglio qui ricordare a tutti coloro che stanno riversando la propria rabbia sui protagonisti sopracitati che siamo arrivati al calcio che conta anche grazie a loro:

se davvero avessimo fatto sindaco Auteri, sarebbe stato superato il record di Torquato in quanto a brevità del mandato; Citarella è passato rapidamente da essere “…uno di noi” a “pappone” o “dilettante”; e via, via tutti gli altri tra dirigenti e calciatori, osannati come padreterni meno di un anno fa, quando essere tifosi della Nocerina era diventata anche un pò una moda. Ad ogni modo si sa, la riconoscenza è un concetto estremamente labile nel mondo del calcio.

Io invece non dimentico tutto quello che ha preceduto questa maledetta stagione, non dimentico la gioia di Sapri nonostante il nubifragio che ci colse alla sprovvista, non dimentico la faticosa salvezza dell’anno successivo in Lega Pro 2, non dimentico il sacrificio della dirigenza quando si presentò l’opportunità di essere ripescati nell’ex C1, non dimentico che quella stessa dirigenza non ha bussato alla mia porta elemosinando il contributo per le fideiussioni varie, così come alla porta di nessun altro dei miei concittadini, nè l’ha fatto per la sfilza di multe che le sono state comminate negli ultimi due anni a causa della nostra idiozìa. Ancora, non dimentico le vittorie regalateci l’anno scorso, come quelle all’ultimo secondo contro il Gela, le trasferte ricche di emozioni come quelle di Roma e, ovviamente, la storica giornata di Foggia che se solo ci ripenso mi vengono i brividi. Non dimentico i festeggiamenti, i ringraziamenti, gli sfottò con i nostri rivali storici, e non voglio dimenticare nemmeno le belle emozioni, ahimè rare, di quest’anno, come il pareggio a Bari, il gol di Castaldo a Livorno, il 4-2 storico con la Samp.

Certo, quanti errori gravi sono stati commessi, quanti proventi sono stati intascati, ma, diciamoci la verità, qualcuno di noi, o forse più di qualcuno, non si è approfittato a suo tempo dell’euforia generale per rimpinguare il proprio portafoglio? Adesivi, magliette, sciarpe, gadget di ogni genere, contributo per i festeggiamenti e chi più ne ha più ne metta…sono pronto a mettere la mano sul fuoco che questo qualcuno si sentirà chiamato in causa anche solo per 1 centesimo che è riuscito a racimolare. Intenzioni più o meno legittime considerati i sacrifici economici e di tempo da noi tutti compiuti per seguire la squadra.

Questo sport purtroppo dalle nostre parti lo si vive in maniera malsana, ed è per questo che realtà come il Chievo, l’Udinese, il Sassuolo, il Novara, il Siena e via discorrendo, alle quali potremmo dare lezioni di tifo e di attaccamento alla maglia, riescono a vivere le proprie favole con maggiore continuità e non per effetto solo di un’annata girata bene. Noi continueremo a vivere le nostre altalene convinti di saper fare i presidenti, i dirigenti, gli allenatori e i giocatori, a criticare e ad aggredire.

Concludo questo sfogo precisando che non faccio parte di nessuno staff riconducibile alla Nocerina Calcio, nè della famiglia Citarella o chi sia per esso. Sono solo un ragazzo che siede tra voi allo stadio e soffre e gioisce, che paga tutti i biglietti delle partite senza utilizzarne di vecchi sperando nella negligenza degli steward, che si è fatto il suo abbonamento per la serie B anche se a cifre improponibili…Se anche una sola persona avrà riflettuto per un istante dopo aver letto la presente, mi potrò ritenere soddisfatto…Ora ancor più di prima FORZA MOLOSSI!

 

 

Avete un tifo fantastico meritate la salvezza!
NON MOLLATE!
forza Toro e Nocera!
UG

 

 

Salve ho già scritto una volta e voglio dire che non sono ne ottimista ne pessimista, perche il calcio è un giro di soldi. Citarella in serie b ha avuto soldi per i diritti tv da sky e mediaset premium,  soldi per il minutaggio di ogni giovane, la cosa più importante non ha speso un soldo perche a giugno abbiamo preso giocatori in prestito e giovani quindi con stipedio ridotto r infine la cosa più importante è arrivato in serie b con una piazza, che se solamente la squadra viagerebbe sempre a metà classifica riempie tutte le domeniche lo stadio quindi noi tifosi vogliamo solo sapere perchè Citarella non vuole mantenere la categoria dato che ha tutti questi profitti e per lo più non leggo o meglio leggiamo una sola sua parola da quando è andato via campilongo, questa è la verità di nocera se il presidente ci teneva cosi tanto invece di dichiarare di voler lasciare la società in caso di retrocessione oggi si presentava davanti ai giornalisti e ai tifosi dichiarando di voler programmare il prossimo anno vincendo di gran lunga il campionato invece guarda caso non è successo quindi fate girare questo messaggio su telenuova su qualsiasi rete per favore perchè io sono un ragazzo che ha fatto l abbonamento, quindi quei 230 euro tutti al presidente e gente come me vogliono rispetto anche perche ci sono stato anche in serie d  e inoltre voglio criticare tutti i tifosi che la domenica non vengono allo stadio perchè l’ altro giorno guardando video della serie d con adrano e rosarno ecc lo stadio era quasi pieno quello che invece non sappiamo fare in serie b anche se all ultimo posto come l inizio della stagione e questo vuole dire che tutto questo lo meritano anche i tifosi……… un saluto alla redazione

 

Salvatore

 

 

Salve,

la settimana scorsa mi ritenevo abbastanza fiducioso solo se avessimo battuto il Cittadella ma dopo la gara disputata oramai sono sfiduciato; al di là del risultato ciò che mi rabbrividisce è la confusione totale della squadra confusione trasmessa dall’allenatore che allo stato è privo di idee, osannato da tutti (me compreso), ma dimostrando ahimè sul campo ad oggi i suoi limiti a gestire un gruppo in una categoria del tutto diversa rispetto all’anno scorso. A ciò si aggiunge il silenzio assordante della società, la stessa da me difesa fino a poco tempo fa ma oggi indifendibile per via di scelte azzardate e scellerate il tutto condito da arroganza nei confronti dei tifosi (concordo con l’articolo di Carmine Apicella in toto non concordo però quando si critica a priori (!?)e comunque va dato merito a colui o coloro che di tasca proprio hanno fatto sì che ci fosse la garanzia per lafidejussione di oltre un milione di euro, che ci ha consentito di essere ripescati e poi essere promossi e noi tifosi non dobbiamo diomenticarlo perchè è molto probabile che prima non avremmo festeggiato ed oggi non saremmo qui a criticare…), che hanno dimostrato che il loro campionato l’hanno vinto già in anticipo con i numeri e non a parole. Ora però mi aspetto dalla società una risposta sul futuro, si vuole sapere programmi o altro se così non fosse e mi auguro di no con la crisi che attanaglia il ns Paese e specie a Nocera il baratro dilettanti sarà molto vicino…

 

Vincenzo

 

 

Innanzitutto un saluto a tutta NOCERA e a tutti i NOCERINI. Il mio nome e’ Achille e sono un MOLOSSO classe 75, ma da circa 12 anni trasferito a Genova ma presente in diverse occasioni quando mi e’ stato possibile. Volevo rispondere alla domanda anche se non e’ da me….”OTTIMISTA” Volevo aggiungere una cosa pero’, sono un po superstizioso e sul sito ForzaNocerina ci gira troppa gente. Aggiungete un bel corno, una testa d’aglio o quello che credete piu’ opportuno e VINCEREMO!!!! Grazie e ancora Tanti saluti a tutta NOCERA e a tutti i NOCERINI

 

ACHILLE OPPOSTA FAZIONE 1993

 

E tu cosa aspetti? Scrivici a redazione@forzanocerina.it e dì la tua sul momento della Nocerina, i commenti più belli ed interessanti saranno pubblicati sul sito e saranno argomento di discussione all’interno del forum.

 

redazione ForzaNocerina.it (foto ©2012 di Ciro Pisani)