33^giornata, tra testacoda e sfide salvezza

33^giornata, tra testacoda e sfide salvezza

Tra Venerdì 30 Marzo e Lunedì 2 Aprile si gioca la 33^ giornata di campionato di serie B. Le prime due squadre a scendere in campo nel consueto anticipo del venerdì saranno Verona e Cittadella in un derby tutto da seguire. Settimana dura per gli scaligeri che dopo la pesantissima sconfitta di sabato  scorso contro la Nocerina, e la batosta con annessa ammenda di 70.000 euro rifilata dal direttore sportivo, non avranno tempo e modo per piangersi addosso, visto che il match contro il Cittadella sarà importantissimo in chiave promozione. Obiettivo vittoria quindi per gli uomini di Mandorlini, per non farsi distanziare ancor di più da un Torino in fuga solitaria.

Tanti i match interessanti del sabato. Grosseto – Sassuolo è gara che almeno sulla carta appare a senso unico, visto e considerato che la squadra toscana saldamente nella posizione centrale di classifica, non può ambire più ad altri sogni se non quello di rimanere in cadetteria. Proprio per questo motivo, che gli uomini di Pea non dovranno assolutamente perdere questa chance, soprattutto per proseguire il trend positivo che dura da due turni, oltre che per il fatto di accorciare le distanze dal Toro capilista, e di distaccare il Pescara appollaiata in classifica a 62 punti. Per la zona caldissima di classifica all’Atleti Azzurri d’Italia andrà in scena uno dei tanti scontri diretti a cui assisteremo in queste ultime giornate. Di fronte Albinoleffe e Vicenza, due squadre che non gioiscono da molto sul campo. Attualmente ultima e quart’ultima rispettivamente con 25 e 29 punti, le due compagini hanno come unico scopo quello di far punti importanti. Chi uscirà indenne in questo match, probabilmente sarà quella  che rimarrà ancora in B. Importantissima per Dal Canto invece la sfida dell’Euganeo del suo Padova contro il Crotone, per consolidare ancor di più una quinta posizione che sembra minacciata non solo dal Varese distante un punto, ma anche del Brescia che con 4 lunghezze di distacco non ha ancora alzato bandiera bianca, sperando ancora nel raggiungimento di un importantissimo traguardo. Di contro la squadra calabrese che dopo la cinquina rifilata all’Albinoleffe, si può considerare già con un piede fuori da un zona di classifica che fino a poche settimane fa risultava numericamente molto triste. Tre le più arrabbiate di giornate, e quindi pronta ad un riscatto immediato, sarà certamente il Pescara di Zeman, che reduce dalla roboante sconfitta ( costernata da errori arbitrali) in casa dell’Ascoli, non può più perdere occasioni per non vedersi scappare una promozione diretta nella massima serie che manca ormai da troppo tempo. Recuperato Insigne, che insieme ad Immobile e Sansovini creerà il tridente d’attacco pronta a scardinare la difesa del Bari. Al “Castellani” classico testa coda tra Empoli e Torino.  Anche se parzialmente in salita dopo le due vittorie consecutive prima dello stop di venerdì scorso contro il Sassuolo, l’ Empoli dovrà sudarsi ancora la cadetteria, in quanto i 31 punti attuali non garantiscono molta tranquillità. Il match che dovrà affrontare contro la capolista sarà importante proprio per capire qual’è il reale spirito e soprattutto voglia degli uomini di Aglietti di ritornare grande nella prossima stagione. Con il morale a terra dopo le 6 reti subite a Torino, il Gubbio affronta il Livorno per scacciare i pensieri di una giornata andata storta. Non sarà assolutamente semplice, in quanto il Livorno ha decretato la sua salvezza proprio negli ultimi 6 incontri, dove vittorie e gioco hanno fatto risalire la china della squadra granata. Juve Stabia e Varese altro match importante in chiave play off. Trascinati da Plasmati e compagni la squadra lombarda che settimana scorsa si è aggiudica lo scontro diretto contro la Reggina, è pronta all’assalto anche del Padova e quindi alla 5 posizione che dista solo un punto. Modena – Ascoli vale più per i bianconeri che per i canarini, in quanto quest’ultimi possono dirsi completamente fuori dalla zona per non retrocedere, mentre l’Ascoli con 29 punti è ancora invischiata nel pieno delle sabbie mobili. Al Marassi la Nocerina se la vedrà con la Sampdoria. Organicamente non ci sarebbe storia, ma l’annata dei blucerchiati e soprattutto l’importantissima e meritata vittoria contro una squadra molto forte ed organizzata come il Verona, non deve far abbattere gli uomini di Auteri, che con un eventuale risultato positivo, il secondo consecutivo che non è mai arrivato dopo una vittoria, comporterebbe certamente un voglia e una forza mentale non indifferente per continuare a lottare con tutte le proprie energie per rimanere ancora in corsa in campionato. Al lunedì il posticipo tra Reggine e Brescia.


Arturo De Filippis, ForzaNocerina.it