Rea: “grinta e determinazione per superare l’Hellas”

Rea: “grinta e determinazione per superare l’Hellas”

Una sconfitta dura da digerire, anche per chi in campo non ci è andato; Angelo Rea ha assistito da spettatore alla sfida fra Nocerina e Modena ma non per questo ha sofferto di meno: “avevamo preparato questa partita bene come tutte le altre,” spiega il difensore nella consueta conferenza stampa del Lunedì, “non siamo riusciti a rendere come avremmo voluto, forse anche per merito dell’avversario che ha preparato altrettanto bene la gara; quella di Modena, però, non è una prestazione da bocciare in toto: dopo il goal abbiamo cercato di riprendere la gara e non siamo stati fortunati.” Meglio, quindi, guardare avanti: “ora bisogna voltare pagina, dobbiamo pensare alla gara di Sabato,” prosegue il difensore molosso, “siamo ancora in corsa per la salvezza: il Verona è una squadra forte, da mettere sullo stesso piano del Pescara; gioca bene, ha calciatori importanti ma noi dobbiamo metterci cattiveria, grinta, dobbiamo fargli capire fin dall’inizio che al San Francesco non sarà facile fare punti per loro.”
Bisognerà, però, cambiare rotta: “sappiamo che non stiamo facendo bene,” conferma Rea, “è un annata difficile ma ci fa forza lo spirito di gruppo che è emerso; Sabato è stata dura guardare i miei compagni da casa, senza poter dare una mano: speriamo di poter festeggiare tutti insieme qualcosa di importante contro l’Hellas e personalmente spero di farmi un regalo speciale, visto che sono fresco sposo.” Un regalo in una partita molto sentita anche per Rea: “Io sono di Napoli e conosco queste rivalità,” prosegue Rea, “so che non corre buon sangue tra le due tifoserie ma spero di assistere solo ad una partita di calcio giocato e che non succeda niente sugli spalti; ovviamente spero di vincere non solo per la rivalità ma anche per regalare un’altra gioia ai nostri tifosi che ci hanno sostenuto anche a Modena, nonostante una situazione di classifica così complicata.”
A chiudere un’analisi del prossimo avversario, l’Hellas, guidato da un allenatore che Rea conosce molto bene: “Mandolini l’ho avuto come allenatore,” conclude il difensore molosso, “mi ci sono trovato bene sia come allenatore che come persona; l’Hellas ha gente di qualità, è una squadra a cui piace giocare la palla e noi dovremo essere bravi a sfruttare gli spazi che ci concederanno; sarà importante sbagliare pochissimo perché hanno tanti calciatori in grado di punirti al primo errore.”


Filippo Attianese, ForzaNocerina.it