NOCERINA. Concetti il migliore, Figliomeni ci mette cuore e grinta

NOCERINA. Concetti il migliore, Figliomeni ci mette cuore e grinta

CONCETTI – 7 – Decisivo nel primo tempo in due occasioni prima su Ciano e poi su Correia, due autentici miracoli. Nulla può sui goal. Il migliore.

 

LAVERONE – 5,5 – Schierato a sinistra con compiti più offensivi che difensivi quest’oggi e non a caso sul quel lato la Nocerina soffre tantissimo. Sul finire del primo tempo ha sui piedi la palla buona per portare in vantaggio i suoi ma la spreca malamente. Nonostante tutto è uno degli ultimi ad arrendersi.

 

DI MAIO – 6 – Tiene bene pur soffrendo in qualche occasione la giornata non proprio perfetta di Rea.

 

FIGLIOMENI – 6 –  A destra corre e spinge insomma la sua parte la fa, anche se di tanto in tanto soffre la velocità degli esterni calabresi.

 

REA – 6 – Torna dopo l’infortunio e non è il solito difensore pulito e puntuale, ma ci può stare. Sul finire del primo tempo si innervosisce e becca un giallo che lo manda in diffida. Migliora col passare dei minuti soprattutto nella ripresa.

 

GIULIATTO – 5 –  Primo tempo da dimenticare, è preso d’infilata ogni qual volta Correia e Florenzi accellerano. Ripresa leggermente migliore anche con qualche buon cross ma poca cosa per uno come lui.

 

BRUNO – 6 –  Il centrocampo avversario oggi è dinamico e sgusciante ed il buon Alessandro si adegua molta sciabola e poco fioretto. A metà ripresa Auteri gli cambia il partner ma la sua prestazione non ne risente per nulla.

 

MINGAZZINI – 6 – Stesso discorso fatto per Bruno. Ottimi un paio di lanci smarcanti che meritavano miglior fortuna. Il suo match termina al ventesimo della ripresa per scelta tecnica.

 

CATANIA – 6 – Si danna l’anima sia come quarto di centrocampo che come terzo d’attacco, purtroppo evanescente in zona goal. Nell’insieme partita sufficiente.

 

CASTALDO – 4 – Buono il primo tempo tra tanto movimento e giocate di sponda. Al diciottesimo della ripresa ha sul destro e a due metri dalla porta il match ball e cerca un improbabile cucchiaio invece della conclusione di forza. Un errore gravissimo che potrebbe determinare le sorti di un campionato intero.

 

MERINO – 6 –  Quando si accende lui si accende la Nocerina e diventa pericolosa. Peccato che oggi rispetto ad altre occasioni viaggia a corrente alternata.

 

PAROLA – sv –  Discreto l’impatto sulla gara

 

AUTERI – 6 – Mette in campo la migliore  squadra possibile e prova a giocarsela sulle ripartenze con una Nocerina che in fase di non possesso si schiera addirittura col 4-4-2. Le occasioni non mancano ma quando a pochi passi dal portiere si sbagliano goal praticamente fatti l’allenatore può davvero poco. L’unico dubbio riguarda Faris: se stava bene tanto da sedere in panchina perchè non è stato utilizzato a gara in corso?

 

Lorenzo Orefice, ForzaNocerina.it