NOCERINA, Auteri: ”mai polemizzato con Zeman”

“Abbiamo un solo risultato disposizione è inutile girarci intorno a Pescara dobbiamo vincere, non ci sono alternative – va diritto al punto Gaetano Auteri. E’ carico e determinato il tecnico rossonero a due giorni dalla gara che nel bene o nel male deciderà le sorti della sua Nocerina: “dobbiamo giocare con intelligenza e determinazione cercando limitare al massimo gli errori, sia in fase difensiva che in quella realizzativa. Il Pescara fa del possesso palla la sua caratteristica principale, dobbiamo essere bravi a impedirglielo, cercando di essere corali nell’aggredirli alzando i ritmi”. Come riuscirci? “correre, correre, correre evitando disattenzioni che possono costarci care” –  la ricetta del tecnico molosso che non nasconde la sua ammirazione per l’undici abruzzese: “ha ampiamente meritato la promozione in A, esprimendo un ottimo calcio. E’ una squadra dalle qualità importanti e può contare su calciatori di valore assoluto e dal futuro radioso”. Capuano, Verratti, Immobile, ma soprattutto Insigne che proprio Auteri in estate aveva provato a vestire di rossonero: “visto com’è andata meglio per lui che ha scelto il Pescara. E’ cresciuto tantissimo ed ha ampi margini di miglioramento considerato che ha dalla sua la giovane età”. Paragoni con Farias? “sono due calciatori dalla caratteristiche diverse – taglia corto il tecnico che già che c’è si lascia andare anche ad una confidenza: “ho votato Zeman come miglior allenatore della serie Bwin, non ho problemi a dirlo. Successo meritato quello di quest’anno, le sue squadre sono belle a vedersi da tecnico e da semplice spettatore”. Una dichiarazione che metta la parola fine a qualche screzio risalente alla scorsa stagione, a quell’infuocato dopo gara di Foggia-Nocerina: “non c’è mai stata nessuna polemica con Zeman  – precisa Auteri –  semmai ho avuto uno scambio di vedute con il presidente del Foggia Casillo, ma francamente mi sembra inutile tornarci su, pensiamo a sabato. La Nocerina si gioca una fetta importante del suo futuro – continua il tecnico molosso – le motivazioni possono fare la differenza. Le nostre sono altissime anche se loro ci terranno senz’altro a chiudere in bellezza davanti al pubblico di casa. Magari però quando non hai più nulla da dimostrare dopo un campionato giocato su livelli altissimi è anche normale che subentra un pizzico di appagamento. Dovremo essere bravi a sfruttare questa situazione a nostro favore. Molti calciatori del Pescara possono gà pensare al futuro, un futuro ricco di soddisfazioni, la Nocerina il suo deve  costruirselo”. Vincere e sperare, non hanno alternativa i rossoneri, prima di puntare occhi e o orecchie verso il Granillo di Reggio Calabria, dove sarà di scena il Vicenza avversario del molossi nella corsa play-out: ‘’sono convinto che sarà una gara regolare” glissa il tecnico che a Pescara dovrà convivere con l’ennesima emergenza. Mancherà Figliomeni per squalifica, Di Maio non è al top e Pomante nonostante ieri abbia ottenuto la certificazione d’idoneità dopo l’infortunio rimediato contro la Reggina, non è ancora considerato pronto a tornare in campo. Difesa ridotta all’osso e scelte quasi obbligate: “non è una novità, ci conviviamo con l’emergenza, faremo di necessità virtù come abbiamo fatto fino ad oggi. Chi è stato chiamato in causa non ha mai deluso e sono sicuro che sarà così anche domenica”. Ad una giornata dal termine del campionato è tempo di rimpianti quando il discorso si sposta sul modulo, quel 3-4-3, marchio di fabbrica di Auteri che il tecnico ha dovuto gioco forza accantonare a campionato in corso: “avrei voluto giocarmela, sotto questo punto di vista mi sento di aver perso qualcosa, ma gli interessi della squadra venivano prima ed è stato giusto così” troppo presto però per fare bilanci: “quelli si faranno alla fine – conclude Auteri – ora posso solo dire che sarebbe un delitto se la Nocerina non riuscisse a conservare la categoria. Da gennaio in poi per quanto espresso sul campo e per i punti conquistati ha dimostrato ampiamente di meritare di giocare in B anche il prossimo anno”. E proprio per non lasciare nulla al caso, la Nocerina è l’unica società che al momento si è costituita come parte terza interessata (non coinvolta direttamente dall’inchiesta) nell’ambito del processo sportivo sul calcio scommesse che inizierà il 31 maggio prossimo. Proprio oggi la società rossonera ha fatto pervenire all’avvocato di fiducia Gaetano Aita tutti gli incartamenti.


Valerio D’Amico, ForzaNocerina.it