NOCERINA, Catania: ”non mi va di retrocedere così”

NOCERINA, Catania: ''non mi va di retrocedere così''

Alla ripresa degli allenamenti tocca ad Emanuele Catania, uno della vecchia guardia e tra i protagonisti della gara contro il Padova, serrare le fila in vista dell’ultimi impegno di campionato che vedrà i molossi impegnati sul campo del neopromosso Pescara: “andremo a giocarcela sperando arrivino buone notizie da Reggio Calabria – afferma l’attaccante molosso –  ci troveremo di fronte una squadra reduce dalla meritata promozione in serie A ma che, com’è giusto che sia non ci regalerà niente perché ci tiene a chiudere in bellezza davanti al suo pubblico. Mi auguro che succeda lo stesso anche su altri campi”. Certo il rammarico è sicuramente tanto in casa rossonera. Tanti, troppi punti lasciati per strata che ora come ora consentirebbero alla Nocerina di trovarsi in una posizione di classifica diversa: “non c’è bisogno di andare troppo lontano, il mio rammarico più grande si chiama Reggina. Quello 0-4 mi brucia ancora di più della sconfitta di Crotone. Se ci troviamo in questa situazione la colpa è solo nostra. Nel momento di maggiore difficoltà, sopratutto noi della vecchia guardia, non eravamo preparati dopo l’esaltante campionato dello scorso anno, a convivere con l’ultimo posto in classifica. Da gennaio in poi, anche grazie all’arrivo di calciatori esperti, la situazione è cambiata e la Nocerina ha dimostrato ampiamente di meritare i play-out disputanto un girone di ritorno quasi perfetto”. Come quasi perfetta è stata la stagione di Emanuele Catania. Sei goal e tante prestazioni al di sopra della media non sono male per un esordiente in questa categoria ma: ”è come se mi mancasse qualcosa, certo sono soddisfatto del campionato che ho disputato ma non mi va di retrocedere così. L’optimum sarebbe riuscire a conquistare la salvezza, allora si che mi sentirei realizzato. Ci proveremo – incalza l’ex Cosenza – i tifosi stiano tranquilli, la Nocerina venderà cara la pelle fino all’ultimo secondo di questo campionato”. Il finale è dedicato proprio a loro, ai tanti tifosi che anche grazie all’iniziativa dei biglietti a costo zero promossa dal presidente Citarella domenica hanno riempito le scalee del San Francesco: “gratis o meno, sarebbero venuti in tanti lo stesso. Non ci hanno mai abbandonato, neanche nei momenti più difficili e quest’anno ce ne sono stati tanti. A loro dobbiamo tantissimo. Conquistare i play-out e poi la salvezza sarebbe il giusto riconoscimento per l’affetto e l’attaccamento dimostrato quest’anno. Ci proveremo!”. 


Valerio D’Amico, ForzaNocerina.it