NOCERINA, Pitino: ”Lega Pro o serie B pronti a stupire”

NOCERINA, Pitino: ''Lega Pro o serie B pronti a stupire''

Manca ormai davvero poco all’inizio della nuova stagione agonistica, tra quindici giorni la Nocerina si ritroverà a San Martino al Cimino, località della Tuscia, dove i molossi svolgeranno il ritiro precampionato. Facciamo il punto della situazione con il direttore sportivo Marcello Pitino, che nonostante i mille impegni di un calciomercato già entrato nel vivo e attento a non scoprire troppo gli obiettivi di mercato dei molossi, ci ha concesso una lunga ma piacevolissima chiacchierata.

 

Direttore mancano quindici giorni al ritiro precampionato qual è l’umore?

 

“Le sensazioni sono quelle di ogni anno. Si lavora per programmare e ripartire dopo la batosta della retrocessione. Certo il non sapere quale categoria si andrà ad affrontare complica un po’ i piani ma le motivazioni e l’entusiasmo sono gli stessi dello scorso anno soprattutto da parte della società. L’obiettivo è quello di avere già in ritiro una rosa completa da mettere a disposizione del tecnico”.

 

Quali sono le novità sul calcio scommesse, la Nocerina può ancora sperare in un ripescaggio e Lei quale idea si è fatto?

 

“Non ci vogliamo illudere rispetto a questa vicenda, poi naturalmente starà a chi di competenza tutelare o quantomeno controllare che il tutto sia fatto secondo le regole. Abbiamo fiducia nella giustizia sportiva e ci auguriamo che il tutto venga chiarito il prima possibile. Noi da esterni possiamo fare solo delle considerazioni, poi le decisioni finali spettano al giudice. Siamo pronti anche in caso di serie B, ma più che sperare e lavorare sodo non possiamo fare”.

 

Le vicende legate al calcio scommesse influenzano anche il mercato?

 

” E’ indubbio che ciò influenzi il mercato. Ci sono soluzioni diverse per le due categorie. Le difficoltà ci sono ma stiamo cercando di ridurle ai minimi termini. L’idea di base è quella di costruire la colonna portante della squadra che affideremo a Gaetano Auteri, in modo che il mister possa iniziare a lavorarci su fin dal primo giorno di ritiro, salvo poi apportare i giusti correttivi a seconda della categoria con cui andremo a confrontarci”.

 

Un mercato low cost che punta sui giovani quello messo in pratica fin ora anche ad alti livelli, il calcio  italiano sembra muoversi in tal senso quest’anno, sarà lo stesso anche per la Nocerina?

 

“I giovani sono un obiettivo della Nocerina così come di tutte le società calcistiche, soprattutto quelle medio – piccole. Ho la fortuna di lavorare per una società sana, ma questo non significa poter fare follie. Quelle a lungo andare si pagano e anche profumatamente. Basta guardarsi intorno. Società importanti rischiano di non iscriversi e allora se si riesce a trovare il giusto connubio tra qualità del calciatore e costi contenuti che ben vengano i giovani”.

 

Questo significa che i tanti nomi altisonanti che si leggono in giro sono destinati a rimanere un sogno?

 

“Affatto, c’è bisogno anche di quelli e la Nocerina è vigile su tutti i fronti. Fortunatamente di calciatori importanti in giro ce ne sono tanti, non solo quelli che di volta in volta leggo sui giornali. L’offerta non manca e  La Nocerina è una società appetibile, che paga regolarmente gli stipendi e non fa mancare niente ai suoi tesserati. E queste sono cose che ad un calciatore fa piacere sapere così come il fatto di venire a giocare in una piazza passionale pronta a dare tutto per la propria squadra. I tifosi però devono entrare nell’ottica dell’idea che anche il giovane emergente se ben allenato e motivato può fare la differenza. E sotto questo punto di vista la riconferma di Gaetano Auteri è un valore aggiunto. Magari alcuni nomi per chi non mastica di calcio possono essere quelli di illustri sconosciuti ma per gli addetti ai lavori non è affatto così”.

 

Chiosa e Baldan appartengono a questa cateogoria? Conferma che sono più di un idea per Pitino e Auteri?

 

“Chiosa è una trattativa ben avviata e potrebbe chiudersi nei prossimi giorni, però finché non c’è la firma tutto può cambiare. Baldan ci interessa. Due giovani dal sicuro avvenire che potrebbero dare tanto alla causa sia in Lega Pro che in B”.

 

Si continua ad accostare Schetter alla Nocerina, sarà la volta buona?

 

” E’ un giocatore che da anni è accostato alla Nocerina, poi per un motivo o per l’altro non è mai arrivato. Stiamo valutando l’opportunità, ne abbiamo parlato a più riprese con il procuratore e ci sono le condizioni per giungere ad un accordo. Però non voglio illudere i nostri tifosi, per il momento mi limito a dire che è un nome gradito alla Nocerina”.

 

Così com’è gradito Mohamed Fofana?

 

” E’ un buon giocatore, è appetito da diversi club, anche noi abbiamo cercato un approccio. Gli accordi però vanno trovati in due, chi sceglie la Nocerina deve essere motivato. Qui abbiamo bisogno di gente che viene a portare entusiasmo e con voglia di far bene”.

 

Catania e Bolzan sono ormai svincolati, c’è qualche possibilità di rivederli a Nocera?

 

“Bolzan non rientra più nei piani della Nocerina, invece, per Catania c’è qualche possibilità. Anche per lui conteranno le motivazioni che si completeranno con la richiesta economica del procuratore. È un bravo ragazzo ed un ottimo calciatore. Se si trova l’accordo non avremo nessuna difficoltà a confermarlo”.

 

Su Castaldo e De Liguori invece?

 

“Sono due tesserati della Nocerina, due calciatori molto importanti soprattutto in prima divisione. Castaldo è un giocatore apprezzato anche in B, c’è stato qualche approccio ma valuteremo in corso d’opera. Anche per loro varrà il discorso delle motivazioni. Sono ragazzi che a Nocera hanno comunque lasciato qualcosa di importante e se ci saranno le condizioni continueremo a lavorare insieme.”

 

Ci sono possibilità di rivedere con  la maglia della Nocerina alcuni calciatori arrivati a gennaio come Figliomeni, Rea e Merino?

 

“Sono dei giocatori che hanno molto mercato in Serie B e noi in questo momento non abbiamo le armi per riuscire a trattenerli, nonostante siano molto legati affettivamente all’ambiente. Al momento non possiamo offrirgli nessuna certezza, ma se saranno disposti ad attendere noi siamo qui”.

 

Per il ruolo di estremo difensore si punta a riconfermare Concetti o c’è qualche novità?

 

“Ci sono altre soluzioni che stiamo mettendo sul piatto della bilancia. Il nome di Aridità è tra i tanti anche se stiamo seguendo alcuni giovani. “

 

Per chiudere una promessa ai tifosi.

 

“Non sono abituato a farne, posso garantire massimo impegno a prescindere dalla categoria che andremo ad affrontare. È normale che se non arriva il ripescaggio la Nocerina non può fare da comprimaria in Lega Pro ma prepararsi a vivere un campionato importante. Certo sarebbe difficile se non impossibile ripetere quanto fatto lo scorso anno ma avremo quanto meno l’obbligo di provarci. Stesso discorso nel caso opposto. La proprietà ha fatto tesoro dei tanti errori commessi, e se ci verrà data di nuovo la possibilità di giocare di nuovo il campionato di serie Bwin faremo di tutto per tenerci stretta la categoria”.

 

Angelo Guadagno; ForzaNocerina.it