NOCERINA, una vetrina in allestimento

NOCERINA, una vetrina in allestimento

Proprio così la Nocerina sembra per tante svariate ragioni, un negozio pronto ad aprire che cerca necessariamente i ritocchi giusti per ben figurare all’apertura della nuova stagione calcistica 2012/2013. Tanto il lavoro portato avanti dal duo Pitino Auteri, senza dimenticare pero’ , quello di Pasquale Ussia, che nonostante il Master di Coverciano per acquisire il patentino di allenatore di prima categoria, ha girato la penisola in lungo ed in largo macinando chilometri alla ricerca di giovani talenti per rafforzare non solo  i settori giovanili ma, anche, ragazzi di valore e prospettiva,  pronti a dare un  contributo di rilievo alla prima squadra. Tanti i nomi circolati e già riportati in altre occasioni, alcuni che ben si sposano alla filosofia calcistica del Mister di Floridia, altri, che pur avendo qualità tecniche di prim’ordine, non sposano  al meglio il 3/4/3. in tutto questo pero’, la società sembra decisa  a piazzare alcuni calciatori che nonostante un valore tecnico indiscutibile e indiscusso, hanno, per diverse ragioni fatto il loro tempo a Nocera,  Gigi Castaldo e Vincenzo De Liguori.  Per il primo, son stati fatti dei timidi sondaggi da parte di qualche società di serie cadetta, anche se il tutto e’ ancora lontano dalla trattativa vera e propria, in quanto l’intero mercato risente dell’effetto calcio scommesse. Sulle tracce del piccolo furetto di Ponticelli invece, si sono puntate le attenzioni di diverse squadre di prima divisione, questo perché il centrocampista napoletano rimane un calciatore di primo livello per l’ex serie C. Dulcis in fundo, dovrà essere valutata con estrema attenzione la questione Plasmati. Questo per due motivi: 1) perché il centravanti nativo di Matera mal si sposa per le sue caratteristiche tecniche al gioco di Auteri e questo e’ ormai risaputo; 2) perché il centravanti che nella seconda parte di stagione e’ stato ceduto in prestito al Varese, ha ancora due anni di contratto a cifre importanti, e questo potrebbe ( il condizionale e’ d’obbligo) diventare un’arma a doppio taglio per la società di Via Alveo Santa Croce. Comunque, in questa sessione di calcio mercato dove soldi ce ne sono sempre meno, dove i processi di calciopoli tengono tutte le società con il freno a mano tirato, forse più di sempre sarà la bravura degli operatori di mercato a fare la differenza e, a parere di chi scrive, la conoscenza dei calciatori anche e soprattutto gli under,  che in qualsiasi categoria faranno la differenza,  facendo pendere sempre l’ago della bilancia verso l’alto o verso il basso, a seconda di come si e’ saputo scegliere.

 

Lorenzo Orefice, ForzaNocerina.it