CALCIOSCOMMESSE: il termometro dell’umore

CALCIOSCOMMESSE: il termometro dell’umore

Giornate di luglio, scandite dalle solite domande, che riguardano eventuali informazioni sulle vicende del calcioscommesse, solite risposte, gente che assicura di saper tutta la verità, gente che conosce già i verdetti, altre che sono in ritiro spirituale, e tanti ancora pronti a stappare le bottiglie del miglior spumante italiano.

Basta poco, pochissimo, per far cambiare umore ad un’intera comunità, un messaggio su twitter che ti esalta, un segnale positivo su fb, poi invece c’è chi va “scavando” sul web, per trovare chi sa quale notizia, sempre perché si è convinti che c’è chi sappia come andrà a finire ed allora ricordate quel vecchio detto napoletano “acquaiò cumm’è l’acqua…..”, andiamo a vedere in casa altrui, in casa di chi deve difendersi, ed ecco il crollo dell’umore, l’avvocato di turno che difende a spada tratta il proprio assistito, evidentemente l’acqua è fresca.

Forse sarà il periodo estivo, per alcuni di riposo, che scatena questa pratica affannosa di ricerca continua del nulla, ma la realtà e che tra non molto tutti i giochi saranno noti, con i deferimenti che tra meno di quarantotto ore verranno diramati dalla Procura federale.

Quindi l’invito alla calma è necessario, per evitare che saltino le coronarie, per evitare eccessivi stati depressivi o esaltazioni maniacali, ricordando sempre che la calma è la virtù dei forti e noi Molossi lo siamo.


Francesco Cuomo, ForzaNocerina.it