NOCERINA: Chiosa arriva nel ritiro bunker

Colazione, pranzo, riposo pomeridiano e cena restano gli unici momenti di svago e di riposo nel cuore della Tuscia viterbese dove la Nocerina ha insediato il suo quartier generale. La TV va e non va, idem il telefono, di internet nemmeno a parlarne. Gli orari tassativi scandiscono la giornata dei molossi e guai a chi sgarra. Alle 7.45 tutti in piedi, suona presto la sveglia al Balletti Park Hotel. Entro le 8.15 viene servita la colazione poi alle 9 tutti in campo per il primo allenamento della giornata. Si va avanti fino alle 12.30 quando viene servito il pranzo. Dalle 14 alle 16 il meritato riposo pomeridiano. Alle 17 di nuovo in campo a correre e sudare. Alle 20 si cena, poi, per chi ci riesce, c’è la possibilità di restare in piedi fino alle 22.45. Si andrà avanti così fino a fine mese.

Palestra e lavoro atletico sul campo, è trascorsa così la mattinata del quarto giorno di ritiro a San Martino al Cimino. Dopo Zaccaro infortunatosi ieri, è stato il giovane Chiavazzo ad alzare bandiera bianca. Qualche linea di febbre lo hanno dispensato dalla prima seduta di allenamento della giornata. Se tutto va bene nel pomeriggio si rivedrà il pallone. Per Marco Chiosa sarà il primo allenamento con la sua nuova squadra. Alle 16 il giovane difensore scuola Torino arriverà in treno alla stazione di Viterbo per iniziare la sua avventura in maglia rossonera. E’ probabile che a fine allenamento, andrà in scena la rivincita della partita di calcio tennis di ieri: il duo Cassia-Di Mauro grida vendetta, Sebastiano Siviglia e il preparatore dei portieri Gentili sono avvisati.


Andrea D’Amico, ForzaNocerina.it