NOCERINA: ritorno di fiamma per Angelo Rea

Prosegue spedita e senza particolari intoppi la preparazione della Nocerina di Gaetano Auteri. Lo stesso non si può dire invece del fronte mercato dove la mancata certezza della categoria in cui si andrà a giocare l’anno prossimo sta procurando non pochi grattacapi al ds Pitino. Lo stesso direttore nella conferenza stampa tenuta prima della partenza per il ritiro estivo volle precisare che non vi erano particolari problemi in merito, ma era una scelta di tutto lo staff tecnico e della società, voler aspettare l’ufficialità della categoria. Questo però si traduce, per lo stesso Pitino, in una concentrazione in pochi giorni di un enorme mole di lavoro, in quanto è evidente che sia in caso di Serie B che in caso di lega pro questa squadra ha bisogno di innesti mirati e di categoria. Al momento, ed è un dato di fatto, alcuni dei possibili obiettivi si sono accasati in altre piazze: è il caso Giuseppe Figliomeni, pilastro della difesa molossa nella seconda parte della scorsa stagione, accasatosi alla corte di Braglia a Castellammare di Stabia. Altro caso è quello di Sosa che, svincolatosi dal Taranto, ha trovato l’accordo con il Cittadella. Proprio per questo ritorna obiettivo per la difesa Angelo Rea ritornato alla base, in quel di Sassuolo, dopo l’esperienza della stagione passata in rossonero assai tribolata dal punto di vista fisico. Un matrimonio che si farà sicuramente in caso di B ma non è da escludere nel caso in cui non arrivino buone nuove dal calcio scommesse, che il giocatore accetti anche la Lega Pro. A centrocampo dopo aver riportato alla corte di Auteri Ciccio Corapi, Pitino sta cercando di riportare un altro centrocampista, lanciato da Auteri qualche anno fa e corteggiato anche l’anno scorso, Galardo, ma la società pitagorica sembra alquanto restia a privarsi dell’attuale capitano. Per quanto riguarda la prima linea il nome più gettonato è sempre quello di Roberto Merino. Il peruviano ha mostrato a più riprese la sua volontà di vestire la casacca rossonera ma il tutto rimane sempre vincolato alla categoria e soprattutto alle avances da parte di società di categoria superiore, come Catania e Sassuolo, che sembrano proiettate sul folletto peruviano.

 

Alfonso Picerno, ForzaNocerina.it