RITIRO. Gaetano Auteri lo stacanovista rossonero

Le motivazioni per il tecnico della Nocerina Gaetano Auteri non mancano mai. E’ bastata una mezza giornata nel ritiro di San Martino al Cimino, a stretto contatto con squadra e staff tecnico, per avere l’ennesima conferma, che l’allenator dei molossi è animato da una grandissima voglia di riscatto. Proprio non l’ha digerita la retrocessione, come del resto tutti da queste parti, giovani e veterani del gruppo e staff tecnico che  al quale da oggi si sono aggregati il nuovo preparatore atletico Giuseppe Di Mauro e l’esperto fisioterapista Giuseppe Grassi, papà di Alessandro. Lo special one di Floridia come sempre è il primo ad arrivare sul rettangolo di gioco e l’ultimo ad andare via. Sempre carico al massimo e pronto ad incitare o a richiamare i suoi calciatori a seconda delle situazioni proprio come fa un buon padre di famiglia con i propri figli. Parla con loro, prodigo di consigli soprattutto per i più giovani del gruppo, continua il silenzio con la stampa. È dal pre-gara dello scorso maggio contro il Pescara che Auteri non si concede a microfoni e taccuini. Chissà se questa sia solo una coincidenza o invece frutto di scelta una ponderata, fatto sta che il sergente di ferro anche oggi in ritiro ha preferito glissare dando spazio ai tanti volti nuovi e a qualche senatore. Le uniche concessioni, sono state le foto scattate insieme a qualche piccolo sostenitore molosso giunto in ritiro e, udite udite, qualche sana risata senza mai dismettere un cappellino bianco a protezione dal sole cocente e forse a trattenere dentro di se chissà quale pensiero. E’ fatto così, prendere o lasciare e noi, prendiamo eccome, e siamo pronti a scommettere che a seguirci ci saranno i tanti tifosi molossi con il quale ormai il tecnico ha instaurato un feeling che va al di la dei risultati ottenuti e gode di una stima incondizionata da parte del popolo rossonero, merce rara in un mondo del calcio che svela ogni giorno retroscena sempre più agghiaccianti. Altrove una squadra che viene da una retrocessione sarebbe stata accolta diversamente, a Nocera il tempo sembra essersi fermato. Lega Pro o serie B  poco importa o quasi, la garanzia resta Gaetano Auteri.

Francesco Cuomo, ForzaNocerina.it