RITIRO. Nocerina: il giorno dello Yo-Yo

Giornata intensa quella vissuta dai molossi nel ritiro di San Martino al Cimino; doppia seduta d’allenamento per i rossoneri, impegnati sia al mattino che al pomeriggio sotto lo sguardo attento e severo di Gaetano Auteri. In mattinata si è cominciato con esercizi di corsa e di mobilità muscolare; al termine della dura seduta fisica finalmente è apparso il pallone con il tecnico che ha diviso i suoi in due squadre, cambiando più volte l’undici e mescolando spesso le carte, con il chiaro intento di far smaltire ai ragazzi un po’ di tossine: in grande spolvero, comunque, Corapi tra i big e Mastellone tra i più giovani, apparsi già in discreta condizione.
Nel pomeriggio si riprende a lavorare sul fisico dei calciatori: va in scena lo Yo-Yo test, con i calciatori legati ad un elastico e chiamati allo scatto tramite dei segnali acustici (i famigerati beep che avevano contraddistinto anche il ritiro delle passate stagioni); un test utile per misurare le pulsazioni sotto sforzo ed i tempi di recupero. Al termine stretching prima del meritato riposo serale; ha raggiunto il ritiro anche Sebastiano Siviglia: l’ex capitano della Lazio al momento non ha un ruolo nell’organigramma rossonero ma potrebbe rimanere in caso di riammissione in B per condurre ancora una volta la Primavera.

Filippo Attianese, ForzaNocerina.it