Abodi:” Serie B a 20 squadre, non mi sbilancio ”

Abodi:'' Serie B a 20 squadre, non mi sbilancio ''

Pubblicate le sentenze di primo grado, con l’esclusione dal campionato di competenza di Grosseto e Lecce, il dispositivo della Commissione Disciplinare potrebbe aprire nuovi scenari in Serie B. La sentenza non parla di “collocazione d’ufficio delle due compagini all’ultimo posto”, ma di “esclusione dal campionato di competenza”: dunque – condizionale assolutamente d’obbligo – potrebbe configurarsi la possibilità che la Figc, di concerto con la Lega di Serie B e la Lega Pro, decida di non reintegrare a 22 squadre il format del campionato di Serie B, riducendo l’organico a 20 compagini.

Andrea Abodi tuttavia si mantiene cauto, in piena regola con il ruolo istituzionale che ricopre. Il presidente della Lega di Serie B, intervistato al telefono in esclusiva da “Zero a Zero”, non si sbilancia in proposito, affermando che «la Lega di Serie B non può decidere da sola in merito a questa vicenda – ha precisato Andrea Abodi -. Un provvedimento di questo tipo è di diretta competenza del Consiglio Federale, sentiti anche tutti i soggetti coinvolti in un’eventuale riforma di questo genere. Per quanto mi riguarda – aggiunge – leggerò in dettaglio il dispositivo della Commissione Disciplinare e proporrò un incontro con il Presidente della Federcalcio per discuterne le conseguenze».

Molto cauto, dunque, il presidente della Lega di Serie B, che preferisce non sbilanciarsi e rispettare anche le gerarchie del calcio italiano: «Non possiamo affrontare un argomento così delicato – spiega Abodi – con la rappresentazione di un solo “pensiero”, di una sola “opinione”. Tra l’altro, non conosco ancora il calendario degli altri gradi di giudizio».

Non occorreranno comunque tempi lunghi secondo il presidente della Lega cadetta: «L’orientamento sarà preso comunque in brevissimo tempo – ci tiene a precisare Abodi -, anche senza aspettare gli altri dibattimenti. In giornata sentirò il Presidente Federale provando a capire quando e come discutere, con tutti i soggetti coinvolti (Figc, Lega Serie B e Lega Pro, ndr), di queste sentenze e delle eventualità di reintegrare l’organico a 22 squadre o lasciarlo a 20».

In tal senso, comunque, Sky potrebbe giocare un ruolo importante, avendo già acquistato i diritti per una Serie B a 22 squadre e non a ranghi “ridotti”, oltre ad aver già predisposto i pacchetti per la prossima stagione.


Fonte:Giuliano Pisciotta, Zero a Zero