LIVE SALA STAMPA. Diongi bacchetta i suoi: ‘dobbiamo chiudere prima le partite’

LIVE SALA STAMPA. Diongi bacchetta i suoi: 'dobbiamo chiudere prima le partite'

In diretta dalla sala stampa dello stadio Oreste Granillo. Ringraziamo i colleghi di www.tuttoreggina.com per la disponibilità.

 

22.46 – DIONIGI

 

«Purtroppo siamo stati decimati da un virus che qualche ora prima della gara ha messo fuori causa Rizzato: avremmo giocato con Melara a sinistra e D’Alessandro a destra, ma D’Alessandro ha vomitato più di una volta. Allora abbiamo messo Di Bari. Ne avevo altri 3 o 4 nello stesso stato: grande prova di orgoglio e attaccamento».

 

«Dal punto di vista tattico l’abbiamo preparata bene: avremmo dovuto chiuderla prima, con un punteggio più rotondo. Nell’ultimo quarto d’oro eravamo stanchi oltremodo anche per questo virus, e loro sono venuti fuori».

 

«Dietro abbiamo fatto bene, davanti abbiamo creato tanto: ma per un errore puoi prendere gol, dobbiamo chiudere prima le partite».

 

«La base sarà sempre la difesa a 3, poi davanti si può variare. Stasera Vincenzo ha fatto benissimo, si è trovato la posizione da solo, è difficile prenderlo tra le linee».

 

«Di Ceravolo sono contento: nonostante le voci di mercato, ci ho parlato prima. Gli ho dato la fascia, ha fatto gol ancora. Mi dispiace che non abbia raccolto quello che ha seminato, meritava di segnare. Così come Sarno».

 

«Comi dopo cinque minuti si è trovato davanti al portiere: nel tridente offensivo uno di fisicità ci vuole. Mi piace avere più soluzioni».

 

«Dietro abbastanza bene, a parte qualche cross e il gol annullato non ricordo grandi pericoli. In mezzo, Barillà e Rizzo formano una buona coppia, così come mi piacciono Armellino, Hetemaj e De Rose. Davanti dobbiamo migliorare la zona gol, ma fanno un gran lavoro. Sono contento per lo sviluppo della manovra, ma la lucidità manca perché siamo al 12 agosto».

 

«Ely ha giocato in una posizone che non è neanche la sua. Lui è un centrale tra i tre, dove sta giocando Freddi, che stasera ha fatto una grande partita. Pur essendo destro, Ely ha fatto bene a sinistra: questo mi fa ben sperare».

 

«Hetemaj è entrato cattivo agonisticamente. Sono onesto, ci sono quattro o cinque squadre che oggi, come organici, farebbero un campionato a parte. Noi siamo un attimo dietro e per compensare questo divario devi usare la rabbia, la voglia, il senso di appartenenza. Ma in maniera molto umile. Dobbiamo stare coi piedi per terra».

 

«Metto in campo chi sta meglio, mercato o non mercato. Togliendo Sarno, avevo bisogno di uno che venisse a giocare tra le linee, per quello non ho messo Viola. Purtroppo si è fatto male Facchin, altrimenti lo avrei messo».

 

 

«Facchin stasera mi è piaciuto, l’ho visto più sicuro e reattivo. Baiocco è entrato bene: penso ci sarà una sana concorrenza, che percepisco tra tutti. Oggi, la titolarità non te la dà nessuno, in nessuna squadra. Penso che piano piano stia nascendo qualcosa».

 

«E’ una squadra giovane, che va costruita piano piano. Ci dev’essere l’atteggiamento mentale giusto».

 

«Facchin è andato all’ospedale, devono controllare lo zigomo».

 

redazione ForzaNocerina.it