NOCERINA, Garufo: “grande reazione”

È stato uno dei migliori nella sfida contro l’Andria, impressionando per condizione atletica e lucidità; Desiderio Garufo è apparso già in palla, nonostante i carichi di lavoro agostani, ma la sua prestazione non è bastata a ribaltare completamente un match partito malissimo per la Nocerina:”è difficile valutare la prestazione,” spiega il laterale alla ripresa degli allenamenti, “inizialmente avevamo interpretato bene la partita nonostante qualche problema per il loro atteggiamento ostruzionistico; poi quando hanno trovato il gol su un lancio da cinquanta metri è diventato tutto più difficile: la reazione è stata soprattutto caratteriale.” Insomma, va salvato l’orgoglio dei molossi: “una volta subito il doppio svantaggio abbiamo avuto una grande reazione,” conferma Garufo, “sicuramente ha influito anche il calo dell’Andria ma c’è molto del lavoro del mister dalla panchina e della nostra voglia di ribaltare il risultato; non dobbiamo fare un dramma di questo pareggio perché le prime partite sono sempre difficili.”Una partita complicata nella quale Garufo si è trovato a coprire sia il ruolo di esterno di centrocampo che quello di terzino puro: “io gioco dove mi chiede il mister, mi adatto per il bene della squadra,” spiega l’ex laterale del Taranto, “la mia posizione naturale è a destra ma se ci fosse bisogno sarei pronto a giocare anche sulla corsia opposta anche se il sinistro non è il mio piede naturale ma l’ho già fatto in altre occasioni; nel mio ruolo lavorare da esterno di centrocampo o da terzino non cambia molto, si tratta di correre qualche metro in più: a me piace correre sulla fascia ed assecondare, quando possibile,  la mia propensione offensiva.” Alla ripresa degli allenamenti è arrivata, un po’ a sorpresa, la squalifica per mister Auteri, reo di ingiurie nei confronti del signor Giovani di Grosseto: “non credo che lo sfogo del mister fosse così grave da meritare una squalifica,” si affretta a precisa il centrocampista rossonero, “durante una partita qualche parola può scappare, capita a tutti, ma non si sanzionano sempre episodi del genere; la tensione può fare brutti scherzi.”


Filippo Attianese, ForzaNocerina.it