BALDAN: ”vincere a prescindere dal modulo”

Giovane ma con le idee chiarissime sul suo futuro e su quello della Nocerina, Marco Baldan, tra i migliori in campo anche a Prato, in un momento particolare per la difesa della Nocerina che continua a perdere pezzi per strada, si è rivelato risorsa fondamentale al pari dei compagni di reparto Chiosa e Crescenzi. A bocce ferme probabilmente in pochi avrebbero dato credito a quella difesa che Auteri gioco forza è stata costretta a mandare in campo al Lungobisenzio, cinquantott’anni in tre ma grinta ed esperienza da veterani navigati: “mi fa piacere di aver fatto una buona impressione” afferma il difensore scuola Milan a margine della seduta di allenamento odierna e svela il segreto di tanta personalità e convinzione nei propri mezzi: “sono entrato in campo concentrato, volevo dimostrare fin da subito di non essere il primo arrivato nonostante la mia giovane età, sei bruciato in partenza se non affronti così una partita importante come quella dell’esordio tra i professionisti”. Parla da grande Marco Baldan, ma non c’è da meravigliarsi troppo considerando che fino a qualche mese fa Milanello era casa sua e viveva a stretto contatto con fior fior di campioni: ‘’gli allenamenti con la prima squadra mi hanno aiutato ad ambientarmi meglio in Prima Divisione – conferma il difensore originario di Cittadella – ma devo migliorare ancora tanto, sono appena all’inizio. Differenze con il campionato Primavera? Tante, a partire dal ritmo molto più alto in Lega Pro e dal maggiore agonismo”. Intanto l’intesa cresce e le prestazioni migliorano di partita in partita: “quella contro l’Andria è stata una gara particolare condizionata dall’infortunio di Andelkovic che ha costretto Chiosa ad entrare in campo a freddo. Ci siamo deconcentrati e sono arrivati i due goal, ma poi tutto sommato la squadra ha reagito bene. A Prato è andata ancora meglio nonostante per Crescenzi fosse la prima da titolare. I meriti però vanno divisi anche con Aldegani. Avere una guida esperta alle nostra spalle è stato importantissimo. Da uno come Gabriele possiamo solo imparare, ci ha aiutato tanto, infondendo sicurezza allìntero reparto”. In questi casi si dice che l’appetito vien mangiando, il Latina è alle porte e l’emergenza difesa in casa Nocerina non accenna a placarsi: “spero di giocare anche se è arrivato Scardina, bel difensore, mi piace … vedremo”. Difesa a tre o a quattro non fa differenza: “i numeri contano poco, dobbiamo fare bene a prescindere dal modulo, certo a quattro siamo un po’ più coperti, ma una difesa a tre fatta bene può portare benefici alla manovra dell’intera squadra”. Fare bene, significa vincere, conquistare i primi tre punti stagionali dopo i due pareggi consecutivi: ”siamo carichi, la voglia è tanta” conferma Baldan, il Latina è avvisato.

 

Carlo Attanasio, ForzaNocerina.it