NOCERINA dove sei?

NOCERINA dove sei?

Ancora non ci siamo! Anche a Barletta la Nocerina offre una prestazione opaca e torna con un pari che a poco serve se non alla classifica. Rispetto al match perso in casa con il Latina, i progressi, ammesso che ci siano stati, sono apparsi impercettibili, parecchi calciatori sono ancora fuori condizione, per cui il gioco ne risente, scarse le occasioni da rete create frutto più di azioni dei singoli che di un gioco corale. Meno male che stavolta la Dea bendata ha dato una mano a Bruno e compagni, se la traversa all’ultimo minuto non avesse negato il goal al Barletta ora saremo qui a parlare di un’altra sconfitta. Sarebbe stata, forse, una punizione eccessiva, tutto sommato alla fine il pareggio si può dire giusto, non bisogna, però, trascurare la consistenza di un avversario che, specie nel primo tempo ha giocato meglio. Tre gare dove i rossoneri non hanno realizzato la miseria di un goal, situazione questa che la dice lunga sui problemi realizzativi di una squadra che vanno ben al di là degli errori dei singoli. Se, infatti, Evacuo, non ancora al meglio della condizione, se Negro deve ancora recuperare dall’infortunio e se Mazzeo e Schetter ancora non hanno ben assemblato gli schemi di Auteri, c’è anche il dato, poco confortante, che la Nocerina costruisce poco. Meno male che, di contro, la difesa regge e con l’attenuante di essere il reparto dove si conta qualche defezione, anche se non ci è dato di sapere fino a che punto si tratti di bravura dei difensori molossi o di poca qualità tecnica degli avversari. Comunque non tutto è negativo, in questo periodo grigio emergono pure note liete, come Aldegani autore in Puglia di alcuni interventi salva risultato, con la sua esperienza ha infuso tranquillità al reparto arretrato. Difesa dove si sta mettendo in mostra il giovane Chiosa, anche con il Barletta una buona prestazione, evidenziando notevole personalità e giocando senz’alcun timore riverenziale. Stesso discorso per Crescenzi, a dispetto della giovane età, gioca da difensore consumato ed esperto, infondendo sicurezza la reparto. A centrocampo Bruno continua a fornire prove insufficienti, il Beneventano è fuori forma, si spera che la trovi al più presto, ora più che mai la Nocerina ha bisogno della sua qualità e della sua esperienza. Tutto il contrario per De Liguori che, invece, si è ripetuto pure a Barletta disputando l’ennesima buona gara e dimostrando di essere, oltre che in forma, di trovarsi a suo agio in questa categoria. Ancora una volta da rivedere tutto l’attacco, dove l’assenza di Merino si fa notare oltre modo, nonostante il Peruviano, autore di un euro goal con l’Andria, nelle sue poche presenze non abbia brillato più di tanto. Mazzeo continua ad essere evanescente sotto porta, Negro spesso si intestardisce a portare troppo la palla ed Evacuo è ancora fuori condizione. Domenica prossima la Nocerina è attesa dalla seconda trasferta consecutiva, contro un avversario, il Frosinone, di ben altra caratura rispetto al Barletta, la speranza ma soprattutto l’occasione per riscattarsi e riprendere una marcia ancora non iniziata.


Roberto Errante, ForzaNocerina.it