NOCERINA: così proprio non va!

Così proprio non va! Dopo due pareggi la Nocerina alla terza uscita stagionale subisce addirittura una sconfitta che la pone in una posizione di classifica non proprio preventivata alla vigilia. Notevoli i passi indietro, ad un discreto primo tempo ha fatto seguito una ripresa da dimenticare: gioco confuso, poche idee, nulle o quasi le occasioni da goal, diversi calciatori che sono calati fisicamente. Dopo la scialba prestazione offerta da Bruno e compagni ci sembra oltremodo pretestuoso far riferimento al fatto che le squadre di Auteri stentano all’avvio di campionato. Sarà pure vero anche questa volta ma se è così vuol dire che il tecnico di Floridia ci sta mettendo molto di suo. Non solo sotto l’aspetto meramente tattico, dopo il 3-4-3 iniziale, ad un certo punto della ripresa ha disposto la formazione con un classico 4-4-2, salvo cambiare nuovamente dopo circa 10 minuti e ritornare allo schieramento iniziale. Ha lasciato perplessi la proposizione di alcune calciatori non ancora al meglio della condizione, lo stesso trainer molosso, nelle dichiarazioni post-partita lo ha ammesso, e allora la domanda sorge spontanea: perché farli giocare? Passi per la difesa, il reparto che contava il maggior numero di defezioni e dove le scelte erano quasi obbligate, ma in altri reparti si è avuta la sensazione che l’impiego di certi calciatori è stato tutt’altro che ponderato. Se Evacuo, così come riferito alla vigilia, non aveva ancora i 90 minuti nelle gambe, perché tenerlo in campo fino alla fine? Anche Negro, che è apparso in alcuni frangenti lezioso, intestardendosi in inutili dribbling che hanno vanificato pericolosi contropiedi, perché inserirlo dall’inizio se, sempre a detta di Auteri, ancora non è al meglio? Se è vero, come detto sempre dal tecnico rossonero, che lo stesso Corapi non stava bene, nonostante tutto non è dispiaciuta la sua prestazione, perché adattarlo sulla fascia dove il gioco è ancora più dispendioso? Tutti interrogativi che ormai non avranno più risposta, dal momento che il match con il Latina è passato e si deve necessariamente voltare pagina. La sensazione è che, però, al momento anche Auteri pare abbia un po’ le idee confuse, naturalmente ci auguriamo di sbagliare e soprattutto ci auspichiamo, in tal caso, che ritrovi subito il bandolo della matassa. Il campionato è corto, tre giornate sono già scivolate via e la distanza dalla vetta continua ad aumentare, dove la Nocerina, oltretutto, è attesa da due trasferte consecutive, al termine delle quali sapremo se il malato è guarito o necessita di nuove ulteriori cure.

 

Roberto Errante, ForzaNocerina.it