PRIMA DIVISIONE B: Latina a Viareggio, l’Avellino sfida il Barletta

PRIMA DIVISIONE B: Latina a Viareggio, l’Avellino sfida il Barletta

La quinta giornata del girone B della Prima Divisione del campionato di Lega Pro si apre con l’anticipo del venerdì sera, che questa settimana vedrà la capolista Perugia ospitare il Pisa di mister Alessandro Pane. I nerazzurri, miglior attacco del torneo, hanno alle spalle la sconfitta di Gubbio, e si preparano a disputare quella che potrebbe essere considerata il match clou dell’intera giornata di campionato caricati dalle parole del proprio allenatore, che in settimana ha dichiarato che quella del ‘Renato Curi’ è una partita che tutti vorrebbero giocare vista la qualità tecnica che ci si aspetta in campo dalle due formazioni. Pane farà ancora a meno di Rocco Sabato e, all’indisponibile Suagher, si sono aggiunti anche Lanzolla e Lucarelli, esclusi per scelta tecnica. I padroni di casa sono reduci dal pareggio di Andria e sono tornati capolista solitaria dopo il punto di penalizzazione inflitto in settimana al Latina. Il tecnico Battistini in conferenza stampa ha elogiato le qualità dei calciatori avversari, e in particolar modo quelle dell’ex Nocerina Nicola Mingazzini e dell’attaccante Leonardo Perez, chiedendo inoltre ai propri giocatori un maggior gioco palla a terra. Il tecnico del Grifo dovrà però fare a meno del difensore Lebran, di Carloto e di Garcia. Nota lieta per il Perugia: superata quota 3000 abbonamenti, ci si attende una bella cornice di pubblico (complice il fascino della notturna) in una sfida tra due compagini che hanno disputato entrambe per ben 13 volte la Serie A; nell’ultimo precedente prevalsero gli umbri (1-0).

La domenica di Prima Divisione si apre con la sfida del ‘Partenio’ tra due formazioni in crescita: l’Avellino di Rastelli ospiterà infatti il Barletta, che nel posticipo tv di domenica ha bloccato su un pareggio a reti bianche la Nocerina giocando una gara più che buona e colpendo anche una traversa negli ultimissimi secondi di gioco. I biancorossi si apprestano alla trasferta in terra irpina con un organico a piena disposizione di mister Novelli, ad eccezione del solo Menegaz, acciaccato. In particolare forma l’attaccante La Mantia, autore di una doppietta nel test infrasettimanale contro l’Atletico Corato. I lupi sono reduci dalla difficile vittoria di Benevento, dove i tre punti mancavano agli irpini da ben 55 anni. Il morale della truppa Rastelli è verosimilmente a mille, e probabilmente sta già incominciando a pensare in grande per questa stagione, potendo contare su un ottimo attacco, ma deve mantenere la concentrazione alta, soprattutto nei minuti finali di gioco.

Sulla carta non sembra esserci pace per la povera Carrarese: nessun punto in classifica ma soprattutto la batosta psicologica del derby di domenica scorsa con il Viareggio, durante il quale i gialloazzurri erano sull’1-1 fino al novantesimo, per poi subire due gol che sanno davvero di beffa. Inoltre la débacle di domenica ha portato a quattro le sconfitte in quattro partite di campionato: i marmiferi non partivano così male da 17 anni. Al ‘Dei Marmi’ arriva il Benevento, una squadra tutt’altro che facile da sopraffare, tanto per le qualità tecniche quanto per l’indubbia rabbia agonistica covata dopo la cocente sconfitta in casa nel derby contro l’Avellino. I giallorossi partono per la Toscana a piena disposizione di Imbriani, hanno lavorato a parte Caranci e De Risio. Recuperato l’esterno mancino Bolzan, i sanniti ripartiranno dalla Toscana guidati dall’estro del proprio gioiellino José Montiel e da tanta voglia di vincere.

Il Catanzaro di mister Ciccio Cozza ospiterà invece l’Andria, che domenica scorsa con una buona prova ha fermato in casa sull’1-1 la capolista Perugia. I biancoazzurri hanno finora pareggiato per ben tre volte su quattro e cercano ancora la prima vittoria in campionato. È però un campo difficile quello del ‘Ceravolo’, dove i ragazzi di Cozza (che, squalificato, non siederà in panchina) hanno perso nell’ultima partita in casa contro il Benevento e cercano riscatto, venendo dallo 0-0 di Pagani di domenica scorsa. Di nuovo disponibile Simone Masini. Bella iniziativa in casa giallorossa: la squadra del Catanzaro, accompagnata dal Presidente Stanizzi, scenderà in campo con il nastrino rosa appuntato sulle maglie, assurto a simbolo della lotta contro il cancro. Nota negativa per l’Andria: in settimana è arrivato un punto di penalizzazione.

Al Matusa di Frosinone si presenta una Nocerina recentemente ridimensionata dai risultati ottenuti, che hanno spesso rispecchiato le prestazioni dei calciatori ma non i propri nomi, per lo più altisonanti. I ragazzi di mister Auteri hanno voglia di riscatto dopo la prestazione opaca di Barletta in un pareggio che sarebbe potuto essere sconfitta se la traversa non avesse salvato sul finale di partita Aldegani, che è risultato comunque vigile e sicuro durante il match. Rientrano in gruppo il maghetto peruviano Roberto Merino, il difensore Ciro de Franco e Russo, reduce da una botta rimediata martedì in allenamento. Lavoro differenziato per Ripa, Andjelkovic, Negro e per i quattro portieri in rosa, ancora assente il laterale Giuseppe Rizza, operato due giorni fa a Parma. I ciociari vengono dalla vittoria esterna in quel di Prato e sarebbero in testa assieme al Perugia se non fosse per il punto di penalizzazione. L’ottimo inizio di campionato fa ben sperare per gli uomini di Roberto Stellone, che durante gli ultimi allenamenti settimanali ha ordinato il lavoro a parte per Marchi e quello in palestra per Bertoncini, a scopo precauzionale.

La Paganese ospiterà invece una delle squadre più in forma del momento: il Gubbio di mister Sottil, che ha infatti vinto due partite su quattro, tra cui quella con il Pisa (2-1) domenica scorsa al ‘Barbetti’. I rossoblù si presentano in Campania senza infortuni particolarmente penalizzanti e con un rendimento fino ad ora altalenante che ha però permesso comunque agli eugubini di lambire l’alta classifica. Gli azzurrostellati padroni di casa hanno ottenuto un buon pareggio in casa contro il Catanzaro nell’ultimo turno di campionato e proveranno a fare risultato sfruttando questa seconda partita consecutiva in casa. Grassadonia non potrà contare sullo squalificato Girardi ma si gode il poker di reti di Luca Orlando e la tripletta di Caturano nel test infrasettimanale contro la formazione Berretti.

Allo Stadio Italia di Sorrento si sfidano i rossoneri padroni di casa e il Prato di mister Vincenzo Esposito. I costieri sono reduci dalla sconfitta a Latina mentre i biancoazzurri sono stati sconfitti in casa dal Frosinone. Migliorano le condizioni dell’attaccante dei toscani Diego Silva Reis, problemi non gravi per Cavagna, squalificato Tiboni. Da segnalare tra i ragazzi di Bucaro le prestazioni progressivamente positive del classe ’94 Alessio Esposito, già adocchiato dai selezionatori delle giovanili della Nazionale.

Chiude la sfida del ‘Dei Pini’ tra Viareggio e Latina. I bianconeri sono in discreta forma, avendo vinto al fotofinish nel match del ‘Lungobisenzio’ di Prato e sono caricati a mille dal bomber classe ‘93 Simone Magnaghi, che presenta la sua come una squadra che finalizzando meglio avrebbe potuto raccogliere anche di più dei 7 punti conquistati su 12 disponibili. La squadra di mister Cuoghi vorrà certamente fare risultato per proseguire sulla falsariga di quest’ottimo inizio di stagione. Ha iniziato altrettanto bene il Latina di Fabio Pecchia, avendo vinto anche domenica scorsa in casa contro il Sorrento. Tutti a disposizione dell’allenatore ex Gubbio; c’è però aria tesa in casa nerazzurra, poiché il punto di penalizzazione che ha tolto il primato ai pontini (seppur in condominio col Perugia) ha stimolato ulteriormente i giocatori a fare bene e a cercare la vittoria in trasferta in quel di Viareggio in un match che si preannuncia dunque molto combattuto.


Marco Stile, ForzaNocerina.it