PRIMA DIVISIONE. Un eurogoal di Barraco dedice l’anticipo

PRIMA DIVISIONE. Un eurogoal di Barraco dedice l'anticipo

LATINA               1

CATANZARO       0

 

MARCATORI: 25′ st Barraco.

 

LATINA (4-3-2-1): Bindi 6; Milan 6, Cottafava 6.5, De Giosa 6, Giacomini 6; Cejas 6, Burrai 6.5 (dal 22′ st Sacillotto sv), Gerbo 6; Agodrin 6, Barraco 7 (dal 36′ st Angelilli sv); Jefferson 6 (dal 15′ st Montalto 5.5). A disp.: Ioime, Bruscagin, Ricciardi, Tulli. All. Pecchia.

CATANZARO (3-4-2-1): Pisseri 6.5; Mariotti 6, Sirignano 6.5, Borghetti 6; Fiore 5, Quadri 6, Ulloa 6, Squillace 5.5, Masini 5.5 (dal 15′ st Cruz 6), Carboni 6 (dal 6′ st Bendetti 5.5); Fioretti 6 (dal 22′ st D’Agostino sv). A disposizione: Faraon, Narducci, Papasidero, Maisto. All. Cozza

ARBITRO: Maresca di Napoli.

NOTE: Serata calda e terreno in buone condizioni. Spettatori 2200 circa. Presenti 150 tifosi catanzaresi. Ammoniti: Milani, Gerbo, Burrai, Jefferson, De Giosa, Giacomini (Lt), Fiore, Pisseri, Ulloa (Cz). Espulsi al 5′ st Fiore (Cz) per doppia ammonizione; al 43′ Gerbo (Latina). Angoli: 5-2 per il Latina. Recupero: 1’pt, 5’st.

 

Aveva capito tutto il tecnico del Catanzaro, Ciccio Cozza, quando, a metà ripresa, la gara dei giallorossi sul campo del Latina stava girando su sè stesso. La reazione dell’allenatore che, un attimo dopo il gol dei nerazzurri, è esploso con un pugno contro la panchina è stato il legittimo sfogo di chi aveva “predicato” fino a un attimo prima di prestare massima attenzione alla zona subito fuori dal limite dell’area.

Il gol – meraviglioso, da categoria superiore – di un Barraco lasciato colpevolmente solo appena fuori dall’area a raccogliere al volo un corner battuto dalla destra del portiere giallorosso, ha deciso al 23′ della ripresa il match della seconda giornata di Lega pro Prima divisione tra Latina e Catanzaro.  gerbo-bindi

I giallorossi sono partiti forte ad inizio gara, facendo la partita per i primi venti minuti (forti anche della spinta morale derivata dallo scoppiettante avvio di stagione, in casa contro il Barletta, a fronte della sconfitta di esordio dei laziali sul campo del Pisa), ma alla squadra di Cozza è mancata cattiveria sotto porta per imprimere subito una svolta alla partita. Pian piano il Latina ha ripreso fiato riequilibrando l’inerzia della gara, pur senza mai creare problemi al Catanzaro.

Chiuso sullo 0-0 il primo tempo, ad avvio di ripresa, esattamente al terzo minuto è arrivata, improvvisa, la svolta del match con l’espulsione, per somma di ammonizioni, del giallorosso Fiore. Da quel momento in poi il Latina di mister Fabio Pecchia ha iniziato a premere mettendo anche in difficoltà la retroguardia giallorossa, fino a quando, al giro di boa della ripresa, è arrivata la prodezza di Barraco.

La seconda parte della gara racconta di un Catanzaro gagliardo e che, nonostante l’inferiorità numerica (fino all’ 88.mo minuto, momento dell’espulsione del laziale Gerbo che ha riportato le squadre in parità), ci prova fino ll fine denotando grande carattere  ed anche eccellente condizione atletica. Tutte nella coda le occasioni giallorosse per il pareggio: prima ci pensa il portiere del Latina, Bindi a prodursi in un vero e proprio miracolo proprio sulla linea di porta e poi le ultime speranza catanzaresi passano radenti al palo ssieme ad una rasoiata di D’Agostino. Il Catanzaro riassapora l’amaro gusto della sconfitta dopo ben 23 giornate utili consecutive.


fonte: www.strill.it