CITARELLA: ”non inventiamo casi inesistenti”

Toni forti per una conferenza stampa convocata in fretta e furia; il presidente Giovanni Citarella non le manda a dire e, dopo le troppe polemiche degli ultimi giorni, si scaglia contro la stampa e contro chi, tra social network e mezzi di comunicazione tradizionali, rischia di rompere il giocattolo Nocerina. Si parte da un’analisi della stagione in corso: “voglio prima di tutto chiarire quella che è stata la nostra stagione,” spiega il massimo dirigente rossonero, “gli obiettivi dal 30 Giugno sono cambiati, non per nostre colpe, ma abbiamo deciso di provare a costruire qualcosa d’importante, con un forte esborso economico; l’abbiamo fatto per dare una risposta all’ingiustizia ricevuta, anche se siamo consapevoli di essere retrocessi meritatamente sul campo: la squadra deve provare a raggiungere un risultato importante ma per farlo ci sarà bisogno dell’aiuto di tutti, anche dei tifosi e degli imprenditori che negli anni passati ci sono stati vicini.”
Ma si arriva presto al nocciolo della questione: “questa conferenza stampa, però, l’ho convocata per un altro motivo,” prosegue Citarella, “gli ultimi dieci giorni mi sono sembrati la replica di quanto accaduto tra Settembre ed Ottobre di un anno fa; attraverso siti internet e social network si possono trasmettere alla piazza sensazioni sbagliate, un po’ come accadde con quella famosa lettera della passata stagione: stiamo ripetendo comportamenti che ci fanno male. Leggo di un caso Evacuo,” prosegue Citarella, “sono cose non vere che fanno il male della Nocerina; il calciatore durante la settimana ha chiesto di partire dalla panchina perché non si sentiva al meglio fisicamente; scrivendo cose del genere danneggiate la squadra: da oggi faremo attenzione a tutto quello che si scrive, la società risponderà per le rime ad assurdità del genere; le critiche sono rivolte non solo alla vicenda Evacuo ma anche alla radiocronaca di ieri ed agli articoli che hanno sottolineato l’abbraccio della squadra come se ci fossero contrasti in seno al gruppo.”
A dar manforte al massimo dirigente rossonero c’è anche il tecnico Gaetano Auteri che utilizza toni simili: “abbiamo un obiettivo da raggiungere,” precisa Auteri, “giudicateci sul campo, senza inventare delle storie con comportamenti dilettantistici; non ho mai avuto problemi con nessun calciatore che ho allenato, non si devono generare nell’ambiente situazioni che fanno male alla squadra.” 

 

Filippo Attianese, ForzaNocerina.it