CITARELLA: “porte chiuse: una sconfitta per il calcio”

CITARELLA: “porte chiuse: una sconfitta per il calcio”

Un derby atteso vent’anni che probabilmente andrà in scena nella forma più sbiadita; la sfida fra Nocerina e Paganese è già un caso soprattutto dopo la decisione do questa mattina del CASMS che ha ordinato la disputa a porte chiuse ed in campo neutro, in una regione non limitrofa alla Campania. “E’ una grandissima sconfitta per il calcio” – esordisce a proposito Giovanni Citarella, contattato telefonicamente – “ma non solo, anche per lo sport in generale. Non è possibile che partite ad altissimo rischio, come Lazio-Roma o Genoa-Milan, vengano disputate a porte aperte e un Nocerina-Paganese debba comportare questo tipo di problematiche”. Le due società si sono incontrate nei giorni scorsi per cercare di trovare un punto d’accordo: “E’ vero, qualche giorno fa ci siamo incontrati e abbiamo raggiunto un accordo in base al quale le rispettive società si sarebbero impegnate affinché quantomeno il pubblico locale potesse assistere alla partita” – prosegue – “Abbiamo inviato una raccomandata a Questura e Prefettura, aspettiamo i prossimi giorni per il responso”.
Certo è che non è possibile che al giorno d’oggi ancora ci sia il rischio che si verifichino determinate situazioni, alla luce anche delle numerose misure restrittive adottate: “L’eventuale non disputa del derby sarebbe l’ennesima dimostrazione dell’inadeguatezza delle norme in merito agli atti di violenza negli impianti sportivi” – continuando come un fiume in piena – “penso che la dimostrazione della maturità di due città come Nocera e Pagani si sia vista già in occasione del derby disputato ad Agosto. Certo, ci sono stati alcuni scalmanati dall’altra parte, circa una ventina, che hanno tentato di scatenare disordini, ma non si possono penalizzare due comunità per colpa di poche persone” – conclude infine – “Speriamo che le decisioni della questura e della prefettura possano cambiare. L’obiettivo della società è lo stesso di quello dei tifosi, puntiamo alla disputa del derby, sperando che possa essere aperto almeno al pubblico locale”.


Gianluca Tortora, ForzaNocerina.it