NOCERINA, Auteri: “vogliamo passare il turno”

NOCERINA, Auteri: “vogliamo passare il turno”

È un Gaetano Auteri tranquillo e rilassato, ma allo stesso tempo carico e determinato, quello che si presenta in sala stampa alla vigilia della sfida di Coppa Italia contro il Lecce: “domani sera giocheremo con l’impegno giusto e con tutte le intenzioni di passare il turno – debutta il tecnico – sarà una gara nella quale giocheremo al cento per cento, anche perché non è mio costume snobbare gare e competizioni ufficiali; affronteremo una squadra che sta facendo davvero bene nel suo girone e che è stata costruita per vincere.” Le fatiche della sfida di Catanzaro e, soprattutto, di un inizio di campionato tanto intenso si fanno sentire. Per questo motivo domani sera troverà spazio chi ha giocato meno sino a ora: “giocherà chi è in condizione di dare il meglio – prosegue Auteri – darò la possibilità di giocare a chi lo ha fatto meno fino a ora in modo da rodare un po’ tutti gli uomini che ho in rosa. In attacco ci sarà Ripa, tra i pali Russo.”
Il modulo con cui giocherà la Nocerina? “Su questo non voglio dare vantaggi al Lecce, visto che hanno anche Di Maio che conosce quasi tutti i nostri segreti; spero non li spifferi” – scherza il tecnico. Il tono diventa subito serio quando si fa riferimento al derby contro la Paganese, prossimo impegno di campionato: “io contro la Paganese voglio giocare al “San Francesco” – taglia corto l’allenatore di Floridia – il calendario è composto prevede quattordici gare da giocare in casa e davvero non riesco a capire perché noi e la Paganese ne dobbiamo giocare una in meno tra le mura amiche; sarebbe una penalizzazione per entrambe le compagini”. Tra ieri e oggi è stata, inevitabilmente, analizzata anche la sfida contro il Catanzaro che ha portato in dote tre punti importanti, ma ha messo in luce anche qualche aspetto negativo della prestazione della Nocerina: “abbiamo sofferto nei primi quindici minuti perché non riuscivamo mai a tenere palla nella metà campo avversaria – conclude Auteri – “abbiamo cambiato modulo con l’intento di destabilizzarli e di giocare tra le linee. Quando il reparto difensivo è cresciuto e ha evitato ogni tipo di distrazione tutta la squadra ha girato meglio. La cosa che mi fa piacere sottolineare è che in tutti i momenti della gara i ragazzi hanno lottato per conquistare i tre punti e alla fine, forse in modo un po’ immeritato, ci siamo riusciti”

Valerio D’Amico, ForzaNocerina.it