LEGA PRO, il Perugia soffre ad Andria ma conserva la testa, Sorrento KO a Latina

LEGA PRO, il Perugia soffre ad Andria ma conserva la testa, Sorrento KO a Latina

Anche la 4^ giornata del campionato di Lega Pro Prima Divisione Girone B ormai in cascina, ha dimostrato ancora una volta, seppur ce ne fosse stato bisogno, di quanto sia difficile questo torneo, e soprattutto di quante insidie si possono trovare lungo il percorso. Insidie che ha dovuto patire proprio il Benevento ( una delle pretendenti alla vittoria finale del campionato), che venerdì nell’anticipo di campionato nel derby campano contro l’Avellino, si è dovuta arrendere alla squadra irpina, grazie alla vittoria 1 a 2 in trasferta. Partita sentita da entrambe le formazioni, come lo dimostrano i tantissimi cartellini gialli dispensanti dall’arbitro nei confronti delle due compagini, ma vittoria più che meritata per l’Avellino che grazie alle reti, entrambi realizzate dal dischetto prima da De Angelis e poi da Castaldo, hanno permesso agli uomini di Rastelli di agguantare almeno per una notte il primo posto in classifica. Nulla è servito il goal di Pedrelli per il Benevento al 32′ min del primo tempo a riaccendere le speranze dei giallorossi, in un secondo tempo che ha lasciato molto a desiderare. Ad avere difficoltà in questo turno di campionato è stata proprio la capolista Perugia che si è dovuta “accontentare” del pari in trasferta ad Andria, in una partita che poteva avere da come si erano messe le cose, un epilogo negativo per la squadra umbra. Infatti la squadra di casa passata in vantaggio ad inizio gara con La Rosa, ha pigiato il piede sull’accelleratore per tutta la prima frazione, cercando il raddoppio che non è arrivato solo grazie ad alcuni interventi prodigiosi dell’estremo difensore del Perugia. Dalle tante occasioni sciupate, al 24′ min del secondo tempo i grifoni pareggiano con Politano, conservando così la prima posizione in classifica. Terza vittoria consecutiva per il Latina, la seconda sul terreno amico, che in casa si sbarazza agevolmente del Sorrento, in virtù di una partita praticamente perfetta, coronata da un invenzione del solito Barraco che al 17′ min del primo tempo, incalana il match sui giusti binari, portando così i suoi in vetta alla classifica a pari punti con il Perugia. Inversione di marcia per gli uomini di Bucaro che dopo la convincente vittoria di settimana scorsa contro la Carrarese, avranno ancora tanto da lavorare per riequilibrare quel che è un assetto che ancora non ha trovato la giusta quadratura. Dopo le ultime pesanti sconfitte, il Catanzaro doveva almeno in parte muovere la classifica, e ci è riuscita in trasferta, in un campo ostico come quello di Pagani, in una partita che ad onor del vero non ha portato a grandi occasioni da rete, se non il palo per gli uomini di casa nel secondo tempo. Presentati a Pagani con un assetto nuovo e rivisitato le Aquile di Ciccio Cozza, hanno dimostrato seppur in parte che i recenti risultati forse sono stati lasciati alle spalle. Tra i match clou di giornata da annoverare quello tra Gubbio e Pisa, due squadre che certamente diranno la loro in questo torneo. Vittoria del Gubbio per 2 a 1 grazie alle reti di Galabinov e Sandreani, che portano la squadra umbra a 7 punti in classifica, lasciando quella toscana a quota 5. Partita ricca di spettacolo quella giocata a viso aperto tra Carrarese e Viareggio, ma che alla fine ha visto vittoriosa la squadra in trasferta con un rotondo 1 a 3. Match che si accende nella ripresa, ed in particolar modo negli ultimi 15 min, tanto basta per far si che le squadre realizzino 4 goal. A pesare per la sconfitta della Carrarese l’espulsione di Lanzoni all’11 del secondo tempo. Da quel momento in poi il Viareggio trova il coraggio di affondare il colpo, riuscendo in zona cesarini, a ribaltare il risultato portandolo dal pareggio alla vittoria. Sale quindi a quota 7 il Viareggio, la vera e propria rivelazione di questo inizio campionato. Ottima anche la prova del Frosinone, che in trasferta vince contro il Prato, grazie al goal di Aurelio al 23’min del primo tempo, portando così la squadra ciociara a quota 8 in classifica, a meno uno dalla vetta. Per concludere con la Nocerina che in trasferta a Barletta porta a casa almeno un punto, in una partita che tra le due squadre ha visto certamente più pericolosa quella di casa. La classifica parla chiaro, solo 3 punti in 4 partite. Il gioco stenta a decollare, così come gli attaccanti non riescono nel loro mestiere. Ci sarà anche da lavorare e sudare tanto, ma le prime apparizioni dei molossi, a questo punto della stagione non convincono ancora.

Arturo De Filippis, ForzaNocerina.it