POSTICIPO: Perugia troppo forte, Carrarese al tappeto

POSTICIPO: Perugia troppo forte, Carrarese al tappeto

«Trentacinque anni di storia nel Tuo nome, Renato Curi eterno campione». Perugia-Carrarese, lo striscione srotolato a inizio gara in Curva Nord è tutto un programma. Una dedica, a conti fatti: biancorossi 3, gialloblù zero. A segno vanno Rantier, Ciofani e (immancabile) pollicino-Politano.

Formazioni Doppia sorpresa per il Perugia, che nell’undici titolare propone Rantier (al posto di un quotatissimo Clemente, alla vigilia) e il verdeoro Jefferson (nel ruolo di terzino destro, in panchina finisce Anania). Quattro-tre-tre, naturalmente. Con Politano e Ciofani a completare il tridente, «jolly» Moscati, Carloto e Di Tacchio ad agire in mediana. Di Costanzo, dall’altra parte, risponde con un più che abbottonato 4-4-2: Malatesta è l’unico a occupare zone avanzate del rettangolo di gioco, Venitucci gli orbita attorno, Orlandi e Mancusi li sostengono da dietro, sulle corsie laterali.

Carrarese ko Qualche colpo di assestamento, un gancio e un montante a firma Rantier e Politano (rispettivamente: filtrante in area di Carloto, punta piena del francese, Piscitelli chiude; tiro-cross di Politano, risposta in corner del portiere ospite), e i toscani vanno knock out. Politano dalla bandierina, Di Tacchio prolunga, Ranier insacca. La lunga corsa verso la panchina dei suoi, ad abbracciare Battistini, fissa lo score sull’uno a zero e mette la gara sul binario dei tre punti, per i grifoni. Il minuto è l’ottavo: otto, come il numero di maglia del compianto Renato Curi. «Incredibile» mormora qualcuno. E pure bellissimo. Mezz’ora più tardi il Perugia raddoppia: Ciofani prende palla, se la aggiusta sul destro e infila Piscitelli sul palo lungo. Risultato giusto, vista la moria di occasioni sponda gialloblù. Che nel corso della prima frazione si rendono pericolosi (davvero, si fa per dire) soltanto con un innocuo spiovente di Lanzoni.

Politano cala il tris La ripresa, manco a dirlo, è ancora una volta di marca umbra. I toscani non danno alcun segno di vita. E il Perugia ne approfitta: Politano si accentra, salta un paio di difensori e, con un mancino preciso e imparabile, a fil di palo, registra il tris (12′). La Carrarese risponde con un improbabile conclusione di Lanzoni da calcio piazzato, che però finisce alle stelle. La partita, di fatto, si chiude qui. Con i toscani a commettere una serie impressionate di falli (non fosse per il giallo comminato un po’ troppo severamente a Lebran, sul taccuino dell’arbitro finirebbero solo uomini in maglia gialloblù) e gli umbri ad amministrare.

PERUGIA 3
CARRARESE 0

PERUGIA (4-3-3):
Koprivec 6; Jefferson 6,5, Cacioli 6,5, Lebran 7, Martella 6; Moscati 7, Carloto 7, Di Tacchio 6,5 (15’st Cenciarelli 6); Politano 7, Ciofani 7 (33’st Fabinho sv), Rantier 7 (22’st Clemente 6). A disp.: Giordano, Russo, Anania, Tozzi Borsoi. All.: Battistini 7.

CARRARESE (4-4-2):
Piscitelli5,5; Lanzoni 6, Benassi 5, De Paola 5, Pedrelli 5,5; Orlandi 5,5, Corrent 6 (15’st Belcastro 6), Pestrin 6, Mancuso 5,5 (23’st Ciciretti 6); Malatesta 5, Venitucci 5,5 (39’st Armada Cruz sv). A disp.: Begotti, Bregliano, Bagnai, Merini. All.: Di Costanzo 5,5.

ARBITRO: Rosario Abisso di Palermo 6.
RETI: 8’pt Rantier, 35’pt Ciofani, 12’st Politano.
NOTE: spettatori 5000 circa. Ammoniti: Orlandi, Belcastro, Benassi. Espulsi: . Angoli: 7-11. Recuperi: 0′ pt, 3’st.

 

fonte: Giovanni Baricca, www.umbria24.it