PRIMA DIVISIONE gir. B: Il Latina non sorprende più, l’Avellino perde la testa

PRIMA DIVISIONE gir. B: Il Latina non sorprende più, l'Avellino perde la testa

In attesa del posticipo tra Gubbio e Benevento, in campo questa sera alle 20.45, la 6^giornata del girone B di Prima Divisione, ha confermato quella che ormai non è più solo un’impressione: non esiste una vera e propria leader, ma tutte le squadre presenti nel girone dovranno sudare sette camicie per raggiungere gli obiettivi prefissi ad inizio stagione. Forse l’unica sorpresa, che poi tanto sorpresa non è considerato lo scoppiettante inizio, la regala ancora il Latina di Fabio Pecchia, che sbanca il Puttilli di Barletta, 1-3 il risultato finale grazie alle reti firmate da Agodirin, Tortolano e Cottafava, e aggancia la vetta della classifica a pari punti col sorprendente Frosinone. I ciociari, alla seconda uscita consecutiva tra le mura amiche, dopo la Nocerina, danno filo da torcere ad un’altra campana, l’Avellino di Rastelli che al Matusa cade sotto i colpi di Gucher e Bottone. Dopo due vittorie consecutive si arresta in terra laziale la striscia positiva di risultati degli irpini. Da consegnare alle statistiche il goal di Brancolino che rende meno amaro il passivo per i lupi.

Segue ad una sola lunghezza dal duo Frosinone – Latina, il Pisa, che batte agevolmente sul terreno amico per 3 a 1 la cenerentola Carrarese alla sesta sconfitta in altrettante giornate di campionato. A sbrigare la pratica ci pensano Perez, in stato di grazia in quest’inizio di torneo, ed una doppietta di Tulli, che sa tanto di riscatto dopo le ultime uscite poco brillanti.

Cade la Paganese a Prato. Azzurrostellati sconfitti per 1 a 2  in una gara gestita male dagli uomini di Grassadonia. Apre le marcature Napoli su rigore al 22′ min. Immediata la reazione degli ospiti che agguantano il pari grazie ad un altro rigore al 25’min realizzato da Scarpa. A decidere l’incontro per la squadra di casa il goal di Ghinassi al 73′ min. A nulla è servita la reazione d’orgoglio della Paganese, che seppure in undici contro dieci per l’espulsione di Tiboni subito dopo il goal del vantaggio, non sono riusciti ad approfittarne. Persa una buona occasione per restare attaccati alle zone nobili della classifica 

Terza sconfitta in sei gare per un Catanzaro ormai in crisi nera. Al Viareggio basta poco per far un sol boccone dell’undici di Cozza, prossimo avversario dei molossi in campionato. Toscani in gol con Giovinco nel primo tempo con momentaneo pareggio di Fioretti su rigore. Nella ripresa locali ancora in rete con Pellegrini e Magnaghi. I giallorossi hanno concluso la partita di dieci uomini per l’espulsione di Ulloa.

Male il Sorrento di Bucaro che perde ad Andria per 1-0, grazie al goal messo a segno al 93′ dal solito Innocenti, e incassa la terza sconfitta consecutiva in campionato.

Vince e convince invece la Nocerina, che si aggiudica, grazie alle perle di Evacuo e Mazzeo, il big match della 6^giornata col Perugia. Un 2 a 0 nettissimo, legittimato dalle innumerevoli occasioni create durante tutto il corso della partita dai rossoneri. Per larghi tratti si è rivisto lo spumeggiante calcio griffato Gaetano Auteri, che ha fatto negli anni passati le fortune dei molossi. Una grossa iniezione di fiducia per Bruno e compagni che ora possono guardare con rinnovato ottimismo ad un torneo che ha finalmente ritrovato la sua principale protagonista.

 

Arturo De Filippis, ForzaNocerina.it