AUTERI: “a Pisa la squadra ci ha creduto fino alla fine”

AUTERI: “a Pisa la squadra ci ha creduto fino alla fine”

Si è chiusa con un episodio spiacevole la trasferta pisana della Nocerina; la polemica innescata in conferenza stampa dal tecnico Gaetano Auteri non può non essere l’argomento di partenza della conferenza stampa del Lunedì dell’allenatore rossonero: “non voglio discutere di quello che è successo ieri in sala stampa,” spiega il tecnico di Floridia provando a glissare sull’argomento, “dico solo che non sono stato scorretto o poco professionale; non c’è stata attenzione, è entrato qualcuno che c’entrava poco con la conferenza stampa: io sono tranquillissimo e so bene quali sono i miei doveri, per me si tratta di una parentesi chiusa e quello che è successo dopo che la conferenza stampa è terminata non è commentabile.” Meglio, quindi, commentare quanto visto sul campo: “il pareggio di ieri è stato insperato perché arrivato nei minuti finali,” ammette Auteri, “ci abbiamo creduto ed è un punto meritato per quello che abbiamo fatto negli ultimi trenta minuti anche se per un’ora abbiamo aspettato e sofferto molto gli avversari; in questo momento abbiamo qualche problema, è innegabile: l’organico non sempre è ben assortito, ieri avevamo Schetter ed Evacuo non al massimo e Negro alla prima partita vera della stagione.”
Problemi di organico ma anche mentali: “il gruppo è coeso, ha degli obiettivi ma anche dei problemi da risolvere,” precisa Auteri, “avevamo difficoltà mentali perché la partita con la Paganese ci ha lasciato delle scorie; dopo aver preso il gol ci siamo liberati mentalmente ma per tanti motivi non abbiamo la mente totalmente libera in questo periodo: io conosco questi motivi però si tratta di cose che devono rimanere nello spogliatoio.” C’è, però, un campionato da riprendere: “siamo in debito per quanto riguarda la classifica nei confronti della società e dei nostri tifosi,” prosegue Auteri, “l’ambiente è diventato un po’ troppo pesante ma non esiste alcun problema di spogliatoio e nessuna difficoltà insormontabile; il campionato resta molto equilibrato e siamo ancora in corsa per ogni obiettivo ma dobbiamo cambiare mentalità ed alcuni comportamenti.” Comportamenti come quelli di Merino, apparso non in grandi condizioni, fisiche e psicologiche: “Merino deve rendersi conto che è in un momento in cui non tutte le giocate gli riescono,” puntualizza Auteri, “dal punto di vista dell’impegno non si è mai tirato indietro; deve prendere coscienza di queste difficoltà, deve essere tranquillo come lo siamo tutti.”
Infine un passaggio sulle dimissioni della scorsa settimana: “avevo presentato le mie dimissioni perché mi sembrava di non aver visto le motivazioni giuste in campo,” conclude Auteri, “alcune cose non erano state recepite dai calciatori, ne ho parlato con loro, ho parlato con l’intera squadra dopo che la società ha respinto le mie dimissioni, ed i ragazzi hanno capito: penso che sulla voglia e sull’impegno messi nella partita di Pisa non si possa dire nulla.”


Filippo Attianese, ForzaNocerina.it