L’AVVERSARIO: il Pisa di Alessandro Pane

L'AVVERSARIO: il Pisa di Alessandro Pane

E’ un Pisa con il morale a mille quello si appresta ad affrontare domenica la Nocerina all’Arena Garibaldi per la seconda gara di fila tra le mura amiche, dopo il poker rifilato al Catanzaro. La squadra del fresco ex rossonero Nicola Mingazzini, partita con ambizioni da medio-alta classifica, è andata finora anche oltre le previsioni estive, visti i 15 punti che le permettono di stazionare in seconda posizione, alle spalle delle battistrada Frosinone e Latina. Sempre in gol in campionato, eccezion fatta per lo 0-0 di Pagani, e con il miglior attacco, i nerazzurri si sono dimostrati finora tra le squadre più solide ed equilibrate del raggruppamento (sconfitta solo a Gubbio), potendo annoverare anche i due capoccanonieri del girone, Perez e Favasuli. L’assetto ormai consolidato dei toscani allenati da Alessandro Pane prevede un 3-5-2 che, volendo trovare un punto debole, si è dimostrato non propriamente ermetico in difesa. Il portiere titolare è il ventenne Luigi Sepe, l’anno scorso riserva dell’esperto Pugliesi, davanti al quale agiscono solitamente l’ex Taranto e Benevento Colombini, il classe 92 scuola Lazio Sbraga e l’esperto Rocco Sabato, calciatore con all’attivo qualche annata in massima serie con Catania e Cagliari. Poco spazio finora per i giovani Rozzio e Suagher. La mediana è un mix di gioventù ed esperienza, i cui leader sono Mingazzini e l’esterno destro ex Empoli Antonio Buscè. Quest’ultimo, nonostante le 37 primavere, si sta rivelando un punto di forza dell’organico a disposizione di Pane. Completano il reparto i centrali Luca Rizzo, ventenne scuola Sampdoria, e Francesco Favasuli, ex Cavese, oltre all’esterno sinistro Benedetti, calciatore dalle caratteristiche più difensive rispetto all’omologo Buscè. Prime alternative sono l’ex Lumezzane e Foligno Filippo Fondi ed il giovanissimo Barberis. L’attacco può contare sull’ottima intesa tra Leonardo Perez e Giacomo Tulli, calciatori dalle spiccate qualità tecniche ma mai molto prolifici in passato. Entrambi già a Pisa dall’anno scorso, sono stati capaci di eguagliare già all’ottava giornata il bottino di 4 reti a testa dell’annata 2011-12. Subito dietro nelle gerarchie di Pane c’è l’ex sorrentino Scappini, titolare nei piani estivi ma costretto spesso alla panchina a causa dell’esplosione dei due compagni di reparto.

 

Salvatore Alfano, ForzaNocerina.it