PISA-NOCERINA. Benedetti: “facciamo fatica a far gol”

PISA-NOCERINA. Benedetti: “facciamo fatica a far gol”

A fare eco alle dichiarazioni di Alessandro Pane, il centrale Amedeo Benedetti, alla seconda stagione in maglia neroazzurra, anch’egli rammaricato per il risultato maturato al termine dei novanta minuti di gioco: “Abbiamo fatto un’ottima partita, anche se abbiamo fatto fatica a trovare la via del gol” – parte amareggiato il difensore – “Abbiamo preso un contropiede a tempo scaduto, è stato un peccato alla luce della splendida prestazione che abbiamo fatto. Dovevamo stare più attenti, invece abbiamo sbagliato. Col Barletta è successa la stessa cosa, bisogna migliorare”. Nel tratto finale della gara il Pisa sembra aver perso lucidità fisica, concedendo spazi agli avversari e, inevitabilmente, anche la marcatura: “Secondo me non sono problemi di natura fisica, anche perché sotto quel punto di vista stiamo molto bene, usciamo alla distanza, soprattutto nel secondo tempo. Oggi siamo stati solamente ingenui, perché abbiamo preso un contropiede evitabile”. A chi gli chiede un parere sulla Nocerina: “Secondo me la Nocerina è un’ottima squadra” – afferma – “Ha uno degli organici più forti del girone. Noi oggi, però, li abbiamo messi costantemente in difficoltà durante l’arco della gara”.
Sulla stessa linea d’onda, l’esterno ex Cavese Francesco Favasuli: “Abbiamo fatto una grandissima partita, è stato un peccato averla pareggiata così. Abbiamo avuto tante occasioni che non siamo riusciti a finalizzare. Davanti, loro sono davvero una squadra importante” – prosegue – “Adesso potremmo dire un miliardo di cose, ma andiamo avanti che ci aspettano altre giornate importanti, noi cercheremo di migliorare”. Bicchiere mezzo pieno anche per Antonio Buscè, marcatore di giornata per i padroni di casa: ” Sono soddisfatto a metà, perché dopo una prestazione del genere abbiamo raccolto poco” – non si abbatte l’ex Empoli – “Bisogna fare solo un applauso alla squadra. Se ci sono errori, questi ci devono fare crescere” – e conclude – “Anche in Lega Pro ci sono giocatori bravi, puoi lasciargli un po’ di libertà e ti fanno gol. Non ti devi sentire appagato fin quando l’arbitro non fischia la fine. Bisognava gestire meglio i minuti finali. Per come s’era messa la partita bisognava capire che ci sarebbe stato da soffrire. Ci saranno ancora tante partite che ci faranno crescere”.


Gianluca Tortora, ForzaNocerina.it