PISA-NOCERINA, Russo salva i molossi

PISA-NOCERINA, Russo salva i molossi

PISA 1

 

NOCERINA 1

 

Pisa (3-5-2): Sepe; Sbraga (43′ st Rozzio), Colombini, Sabato; Buscé, Favasulli, Mingazzini, Rizzo, Benedetti; Tulli (37′ st Fondi), Perez. A disp.: Pugliesi, Carroccio, Barberis, Gatto, Scappini. All.: Pane.

Nocerina (3-4-1-2): Aldegani; Crescenzi, Baldan, Chiosa; Garufo, De Liguori (20′ st Evacuo), Bruno, Daffara (15′ st Schetter); Corapi; Negro, Merino (27′ st N. Russo). A disp.: G. Russo, Lettieri, Andelkovic, Sabatino. All.: Auteri.

Arbitro: Illuzzi di Molfetta.

Marcatori: 9′ st Buscè (P), 48′ st N. Russo (N).

Note: Ammoniti: Benedetti (P), Baldan (N), Schetter (N). Angoli: 9-8 per il Pisa. Rec.: 1′ pt ; 6′ st..

 

PISA – All’inferno e ritorno, parafrasando un vecchio film del ’55, mai titolo fu più indovinato per raccontare Pisa-Nocerina. Perché per un tempo e mezzo i molossi soffrono le pene dell’inferno contro un Pisa più in palla, che trova il vantaggio con Buscè  e va vicino al raddoppio in almeno altre tre occasioni, e acciuffano il pareggio nell’extra time con Nicola Russo quando ormai nessuno ci credeva quasi più. In mezzo una squadra che Auteri schiera con un inedito 3-4-1-2: panchina per Evacuo e Schetter, Chiosa sostituisce l’infortunato Scardina, c’è spazio dal primo minuto anche per Negro e Daffara. Cerca così il tecnico rossonero di contrastare l’attacco migliore del girone, ma il muro eretto a protezione di Aldegani si sbriciola col passare dei minuti e costringe agli straordinari il numero uno rossonero. Non va meglio lì davanti dove i piccoletti Corapi, nell’insolita veste di trequartista, Negro e Merino sono facilmente tenuti a bada dalla difesa di casa. Pane conferma in toto il Pisa vittorioso di domenica scorsa e cerca il bis dopo aver strapazzato il Catanzaro appena sette giorni fa. Pronti via, ci si aspetta la veemente reazione della Nocerina dopo la dura contestazione di inizio settimana, sono invece i padroni di casa a partire col piede a tavoletta sull’acceleratore e a fare la partita.  Al 7′ il primo sussulto. Tulli, dal limite dell’area, lascia partire un destro secco che esce di poco fuori alla sinistra di Aldegani.  Il numero undici nerazzurro si ripete tre minuti più tardi. Tiro di Favasuli sporcato da un difensore, la palla arriva a Perez che serve l’attaccante a pochi metri dalla porta, anche questa volta, la sua conclusione finisce fuori. Al 15′ ancora Pisa. Il tacco di Perez libera Buscè che impegna nuovamente l’estremo difensore rossonero con un insidioso diagonale da dentro l’area. Bisogna attendere il 23′ per annotare la prima azione utile della Nocerina. Fa tutto Negro che sfonda dalla sinistra e prova ad impensierire Sepe, il tiro a giro è debole e il numero uno di casa fa sua la sfera senza difficoltà. Solo un lampo, perché i polsi tremano ogni volta che il Pisa si fa avanti. Alla mezz’ora Perez recupera palla sulla trequarti avversaria e scarica indietro per Favasuli. Il capitano avanza di qualche metro e conclude a rete, impegnando severamente Aldegani costretto, ancora una volta, a rifugiarsi in angolo. Passano due minuti e Buscè si libera sulla destra e va al cross per la testa di Favasuli la mira è imprecisa e, per fortuna dei rossoneri, la palla esce di poco alla destra di Aldegani. Si chiude qui il primo tempo. Ha di che recriminare il Pisa che avrebbe sicuramente meritato molto di più a dispetto di una Nocerina fin troppo remissiva, tenuta a galla da un Aldegani in giornata di grazia. Il leitmotiv non cambia alla ripresa ed al 54′ i padroni di casa trovano il vantaggio. Benedetti va al cross e Buscè, appostato sul secondo palo, colpisce di nuca beffando Aldegani con una strana traiettoria. Auteri corre subito ai ripari, fuori Daffara dentro Schetter, si ritorna al 3-4-3.  La Nocerina prova a farsi sotto e il Pisa è costretto a ripiegare nella propria metà campo. Il tecnico rossonero butta nella mischia anche Evacuo, al posto di Vincenzo De Liguori e al 67′ il pareggio sembra cosa fatta, ma la Nocerina non ha fatto i conti con l’intervento provvidenziale di Sepe su Baldan a pochi passi dalla linea bianca. C’è posto anche per Nicola Russo, che sostituisce Merino, nel confusionario arrembaggio finale. Al 76′ però è ancora il Pisa ad andare vicino al goal. Azione di Perez che dribbla Aldegani e dalla linea di fondo serve Tulli. La  conclusione a botta sicura dell’attaccante viene respinta sulla linea da Crescenzi. Due minuti più tardi ci riprova Buscè, che ruba palla alla difesa rossonera e conclude dai venti metri. La sfera esce fuori di pochissimo, ancora brividi per la Nocerina che però nel finale, al terzo dei sei minuti di recupero concessi dal Sig. Illuzzi di Molfetta, trova l’insperato pareggio con Nicola Russo, su assist di Felice Evacuo. Si esce tra i fischi di un’Arena Garibaldi inviperita per la vittoria sfumata nei minuti finali, tra i rossoneri gli abbracci e le strette di mano si sprecano. Due anni fa l’1-1 in rimonta a Pisa, fu l’inizio di una cavalcata trionfale, non ci resta, allora, che sperare che quello di oggi, così come allora, sia di buon auspicio.


Andrea D’Amico, ForzaNocerina.it