AMARCORD. SALERNITANA-NOCERINA: Il derby è tornato

AMARCORD. SALERNITANA-NOCERINA: Il derby è tornato

Sono passati venticinque anni secchi dall’ultima volta  che Nocerina e Salernitana hanno incrociato gli scarpini in una gara ufficiale. Tanti, troppi, ingiusti. Promozioni, retrocessioni e fallimenti hanno di fatto schivato questo derby che, nonostante le dichiarazioni di facciata, è uno dei più caldi della Campania con Nocerina-Paganese, Cavese-Salernitana e Savoia-Turris.

E’ stato sempre lo scontro di Davide contro Golia. I Molossi giovani, grintosi, cattivi, arrangiati, contro i vicini ricchi e smargiassi che potevano godere dei soldi precipitati da fuori città. Una sfida che ha infiammato la Serie C per decenni, perché per fortuna il calcio non si fa solo con i soldi. Per anni i granata sono stati felici e vincenti a luglio salvo svegliarsi dal sogno promozione già a Natale. Ogni anno, ogni domenica, c’erano quelle magliette rossonere a ricordargli che al destino non si può sfuggire, non per sempre almeno.

L’ultima vittoria dei Molossi è firmata da un guizzo di Raffaele, il bomber di scorta della formazione di Lamberto Leonardi a cui fu scippata la Serie B. L’ultima sfida a Salerno si è conclusa con il punteggio di 0-0. Alle spalle c’è una storia di torti, battaglie, vittorie, sconfitte e un infinito odio sportivo. Perché così sono i derby, il resto è solo finta ipocrisia. Domenica si ricomincia, il destino è stato fin troppo clemente in questi venticinque anni.

Ancora una volta sotto il punto di vista tecnico non c’è paragone. La Nocerina è una squadra di ragazzini che ha totalizzato tre punti frutto di tre pareggi ed è reduce da una serie di sconfitte che sembra non avere fine. La Salernitana milionaria del signor Lotito, salernitano come la polenta, è partita per stracciare il campionato come sempre. Davide contro Golia.

Noi saremo lì a ricordargli che al destino non si sfugge, che nel sangue un bicolore c’è. Glielo urleremo in faccia, a loro che di confusioni cromatiche ne hanno vissute un bel po’. Domenica, anche solo per un attimo, un brivido freddo correrà lungo le loro schiene. Il derby è tornato.

Fabio Pagano, ForzaNocerina.it