CHI SALE E CHI SCENDE: Dei Giudici impeccabile, la Paganese si arrende solo al triplice fischio

CHI SALE E CHI SCENDE: Dei Giudici impeccabile, la Paganese si arrende solo al triplice fischio

Franco Lepore su rigore ed un sigillo di Davide Evacuo tamponano, almeno temporaneamente, l’emorragia di risultati della Nocerina del tecnico Fontana, alla sua prima vittoria stagionale. Al “Mannucci” di Pontedera, ad arrendersi ai rossoneri, per una rete a due, è una Paganese dal doppio volto, poco efficace e confusionaria nel primo tempo, arrembante ed equilibrata nella seconda frazione. A nulla è servito, se non per le statistiche, il gol dopo quattro minuti dal fischio di inizio del sign Dei Giudici di Latina, ad opera di Deli.

CHI SALE

Evacuo – E’ merito di un suo guizzo se la Nocerina, poco lucida e scriteriata di giornata, riacciuffa intorno alla mezz’ora il risultato. Continuo lavoro sporco lì davanti, fa a sportellate per quasi tutto il resto della gara contro i centrali liguorini, fornendo, quando possibile, una necessaria boccata d’ossigeno ai suoi.

Dei Giudici – Impeccabile la sua direzione di gara, come non se ne vedevano da tempo in queste categorie. Ponderato nelle decisioni, sbaglia poco e niente, riuscendo sempre a mantenere il pugno fermo sullo svolgimento di un incontro sentitissimo da ambo le parti.

Paganese – PiĂą luci che ombre sulla prestazione della squadra di Maurizi. Nonostante il basso livello tecnico ed agonistico proposto dalla gara odierna, gli azzurrostellati, paradossalmente, mostrano un certo equilibrio ed una, seppur flebile, idea di gioco che, nel secondo tempo, ha praticamente fatto rintanare la Nocerina nella propria metĂ  campo. Il risultato non rispecchia fedelmente quanto visto in campo.

CHI SCENDE

Toppan – Avulso, impalpabile, spesso in ritardo il centrale trevigiano, incappato, probabilmente nella classica “giornata no”. Da due sue disattenzioni hanno origine le marcature della Nocerina, che sentitamente ringrazia per i tre punti concessi.

Sabbione – Pollice verso il basso anche per il centrocampista rossonero, adattato nelle retrovie, causa emergenza numerica nel reparto difensivo. E’ grazie alla sua staticitĂ  che Deli, dopo appena quattro minuti, gli scappa via in velocitĂ  ed insacca alle spalle di Gragnaniello. Fortuna, per la Nocerina, che dall’altra parte Toppan abbia voluto emularne le gesta per ben due volte.

Volturo – Per nulla impegnato fintanto che resta sul rettangolo verde. E’ costretto, allo scoccare del 45′ della prima frazione, a lasciare in inferioritĂ  numerica i compagni a causa di un inopinato fallo commesso su Hottor in piena area di rigore.

Gianluca Tortora, ForzaNocerina.it